Armi esplosive nelle aree popolate

Una donna che cammina tra le case nella città di Homs Una donna che cammina tra le case nella città di Homs © Photo by bwb-studio on iStock

Cosa sono le armi esplosive nelle aree popolate?

Le armi esplosive funzionano attraverso la detonazione di una sostanza altamente esplosiva. Queste includono una gamma di armi lanciate in superficie e in aria come razzi, mortai, proiettili d'artiglieria e granate, così come bombe fatte in casa e  attacchi aerei. L’espressione "aree popolate", indica una città, un paese, un villaggio o altre aree con un'alta concentrazione di civili o oggetti civili.

 

Qual è l'impatto sui civili?

Quando le armi esplosive vengono utilizzate in aree popolate, l'effetto diretto è il ferimento e l'uccisione di decine di migliaia di persone, tra le quali più del 90% sono civili. Inoltre, gli impatti a lungo termine sulla salute mentale sono altre conseguenze comuni. Tra gli effetti indiretti, possiamo trovare i danni alle case e alle infrastrutture che impediscono alle persone di avere accesso all'assistenza sanitaria, all'istruzione, alla distribuzione dell'acqua e dell'elettricità, e ad altri servizi pubblici, con il conseguente sfollamento dei civili, che spesso è di lunga durata. Infatti, i danni alle infrastrutture critiche come i sistemi fognari possono portare alla diffusione di malattie e a ulteriori morti. Inoltre, le armi esplosive lasciano residui di guerra molto tempo dopo la fine delle ostilità, e possono uccidere o ferire i civili finché non vengono rimossi. 

 

Cosa sta facendo la comunità internazionale a riguardo?

L'uso crescente di armi esplosive nelle aree urbane solleva preoccupazioni internazionali, tanto che più di 80 stati hanno espresso la loro volontà di migliorare la protezione dei civili in guerra. Tuttavia, ad oggi, non esiste uno strumento internazionale che regoli l'uso di tali armi. L'International Network on Explosive Weapons ha esortato i paesi a porre fine all'uso delle EWIPA e a fornire assistenza ai sopravvissuti. Nel 2019, l'Austria ha organizzato la Conferenza di Vienna sulla protezione dei civili nella guerra urbana. Più tardi, l'Irlanda ha annunciato una serie di consultazioni per far avanzare i lavori verso una dichiarazione politica contro l'uso delle EWIPA e ha rilasciato una bozza della dichiarazione nel gennaio 2021. 

 

Fonti:

https://humanitariandisarmament.org/issues/explosive-weapons-in-populated-areas/

https://www.icrc.org/en/explosive-weapons-populated-areas

http://www.inew.org/towards-a-political-declaration-on-the-use-of-explosive-weapons-in-populated-areas-states-need-to-ensure-that-expressed-commitments-translate-into-real-impacts-on-the-ground/

https://paxforpeace.nl/what-we-do/programmes/explosive-weapons-in-populated-areas

https://www.unocha.org/themes/explosive-weapons-populated-areas

 

Autore: Eleonora Gonnelli

Letto 87 volte