Afghanistan, sempre più donne e bambini uccisi nei combattimenti

Bambini appoggiati al muro di un rifugio Bambini appoggiati al muro di un rifugio Credito a ArmyAmber su Pixabay

27 luglio 2021 

Le Nazioni Unite avvisano che il numero di donne e bambini uccisi o feriti in Afghanistan è in aumento

Come riportato da Voanews, nel contesto del conflitto in Afghanistan un numero maggiore di donne e bambini è stato ucciso o ferito nella prima metà del 2021 rispetto ai primi sei mesi di ogni anno dal 2009. 

Il ritiro delle forze USA-NATO dall'Afghanistan è completato per oltre il 95% e dovrebbe terminare entro il 31 agosto. Nel frattempo, il conflitto nel paese si è intensificato, riportando un forte aumento del numero di vittime civili nel periodo da maggio. Secondo l'ufficio delle Nazioni Unite per la protezione dei civili nei conflitti armati in Afghanistan, che produce rapporti ogni sei mesi, ci sono stati 1.659 civili uccisi e 3.254 feriti: si tratta di un aumento del 47% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Nonostante gli uomini costituiscano ancora la maggior parte delle vittime civili, l'aumento tra le donne e i bambini è netto. Secondo i dati delle Nazioni Unite, il 32% delle vittime nella prima metà di quest'anno erano bambini, con 468 uccisi e 1.214 feriti. Secondo i dati della Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA),  il 14% delle vittime civili erano donne, con 219 uccisi e 508 feriti. In particolare, i bambini sono stati deliberatamente presi di mira in almeno un'occasione. L'episodio più scioccante è stato l'attacco dell'8 maggio fuori dalla scuola Sayed ul-Shuhuda a Kabul: l'ONU ha riferito che tale assalto ha provocato più di 300 vittime civili, per lo più studentesse, tra cui 85 uccisi:nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità per questa offensiva. Inoltre, donne e bambini continuano a soffrire in modo sproporzionato per l'uso di armi indirette, come l'artiglieria e i mortai, in aree popolate: secondo l'ufficio delle Nazioni Unite per la protezione dei civili nei conflitti armati in Afghanistan, essi costituiscono quasi due terzi delle vittime civili del fuoco indiretto durante gli scontri a terra, principalmente a causa delle munizioni che li colpiscono mentre si riparano nelle loro case.

Deborah Lyons, rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite per l'Afghanistan, ha chiesto ai talebani e ai leader afgani di prestare maggiore attenzione all'attuale tendenza della guerra e ai suoi terribili effetti sui civili. UNAMA ha avvertito che senza una significativa diminuzione della violenza, l'Afghanistan sarà probabilmente testimone del più alto numero di vittime civili documentate in un solo anno da quando ha iniziato a tenere i registri nel 2009.

 

Fonti:

https://learningenglish.voanews.com/a/un-more-women-children-killed-in-afghan-fighting/5979731.html 

https://unama.unmissions.org/sites/default/files/unama_poc_midyear_report_2021_26_july.pdf 

https://news.un.org/en/story/2021/07/1096382

 

Autore: Jasmina Saric; Editor: Gianpaolo Mascaro

Letto 157 volte