Scoperta fossa comune in Burundi

Fosse comuni in Burundi: c'è il coinvolgimento del governo? Fosse comuni in Burundi: c'è il coinvolgimento del governo? RFI/Sonia Rolley

10 marzo 2016
Una fossa comune è stata scoperta nella capitale Bujumbura il giorno in cui l'ONU ha inviato degli osservatori per valutare le violazioni dei diritti umani.

Sospetti sull'esistenza di fosse comuni erano già circolati, dopo che mesi di conflitto interno in Burundi hanno provocato oltre 400 morti, con molti corpi non registrati negli obitori locali. Alla fine di febbraio 2016, una fossa comune è stata scoperta nella capitale Bujumbura, dove i funzionari di governo hanno riferito che circa 30 cadaveri sono stati sepolti. La scoperta ha coinciso con l'arrivo di esperti indipendenti delle Nazioni Unite, inviati valutare le violazioni dei diritti umani nel paese.

Da aprile 2015, oltre 400 persone sono morte e altre 240.000 hanno lasciato il paese dopo che il Presidente Pierre Nkurunziza ha lanciato la sua campagna per il terzo mandato, a fronte di una forte opposizione. La sua rielezione nel luglio 2015 ha portato a violente proteste di strada, un infruttuoso tentativo di golpe e varie uccisioni. Le Nazioni Unite si sono impegnate per prevenire ulteriori episodi di violenza in Burundi ed evitare un risultato simile al genocidio del 1994 in Ruanda, una nazione di composizione etnica simile al Burundi che ha una popolazione Hutu per l'85% e Tutsi per il 15%. Nel gennaio 2016 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha tentato di porre fine alla violenza in atto da mesi, ma la sua azione è stata respinta dal Presidente Nkurunziza.

Sembra probabile che le fosse comuni contegano sia persone scomparse tra aprile a maggio 2015, quando la gente si oppose al terzo mandato del Presidente, sia a dicembre 2015, all'indomani del giorno più sanguinoso della crisi. Nel gennaio 2016, Amnesty International ha dichiarato che le riprese satellitare hanno mostrato evidenze di cinque possibili fosse comuni alla periferia di Bujumbura. "Queste immagini suggeriscono uno sforzo deliberato da parte delle autorità per nascondere l'entità delle uccisioni da parte delle loro forze di sicurezza e per impedire che emerga la verità" ha detto Muthoni Wanyeki, il direttore regionale di Amnesty International per l'Africa orientale, il Corno e i Grandi Laghi. Il sindaco di Bujumbura Freddy Mbonimpa ha dichiarato che uno dei presunti assassini "ha detto che c'erano circa 30 corpi nella fossa comune. L'assassino ha detto che là hanno seppellito persone uccise per aver sostenuto il terzo mandato".

Il Procuratore generale del Burundi ha riconosciuto che il governo ha sepolto decine di presunti ribelli che morirono durante gli attacchi su basi militari, ma ha negato qualsiasi coinvolgimento del governo nelle fosse comuni. Gli esperti indipendenti delle Nazioni Unite hanno concluso la prima fase delle loro indagini volte ad aiutare "lo stato" ad adempiere ai suoi obblighi di tutela dei diritti umani, a garantire la punizione per le violazioni dei diritti umani e gli abusi, identificando i presunti colpevoli, ha detto Christof Heyns, uno degli osservatori ONU.


Per maggiori informazioni, visita:

http://AllAfrica.com/Stories/201603010411.html?utm_content=buffer50892&utm_medium=Social&utm_source=Twitter.com&utm_campaign=buffer  
http://www.AfricaNews.com/2016/03/01/Mass-grave-discovered-in-Burundi-a-Day-After-un-Convoy-arrives/  
http://www.Reuters.com/article/US-Burundi-un-idUSKCN0VU09Q  
https://www.dailystar.com.lb/News/World/2016/Mar-10/341578-Burundi-58-people-Buried-without-notifying-families.ashx   
http://AllAfrica.com/Stories/201603090894.html

Letto 7085 volte