Aggiornamenti sulla Repubblica Democratica del Congo (RDC)

Mappa delle Repubblica Democratica del Congo Mappa delle Repubblica Democratica del Congo Foto di Naruedom via Unsplash

Nord Kivu: decine di feriti sono arrivati a Goma durante i pesanti scontri degli scorsi giorni

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (ICRC) esprime preoccupazione per l’intensificarsi degli scontri armati a Sake, località situata nella provincia del Nord Kivu nell'est della Repubblica Democratica del Congo, e per gli effetti questi hanno sui civili.

Come riportato sul sito web dell'ICRC, il conflitto coinvolge da un lato le forze armate della RDC e i loro alleati, e dall'altro il Movimento 23 marzo.  Il 7 febbraio 2024, gli hanno causato 58 feriti - di cui 31 civili - arrivati all'ospedale di Ndosho a Goma.
L'ICRC fornisce supporto alla struttura ospedaliera nel trattare dei feriti, ma ad oggi ci sono il doppio dei pazienti rispetto ai letti disponibili.

"I pazienti continuavano ad arrivare su motociclette e autobus. Questi nuovi arrivi, oltre ai pazienti che stavamo già trattando prima del 7 febbraio, portano il totale a 120, mentre abbiamo una capacità di 64 letti.
La mancanza di spazio per accogliere tutti questi pazienti è la nostra più grande sfida. Abbiamo già trattato 219 persone con ferite da arma da fuoco dall'inizio del 2024", spiega Laurent Cresci, capo infermiera dell'ICRC a Goma.

Secondo la Croce Rossa Internazionale, l'afflusso di feriti all'ospedale Ndosho di Goma è principalmente dovuto al crollo delle strutture sanitarie nelle zone di combattimento o nelle vicinanze. Le strutture sanitarie non sono in grado di accogliere e stabilizzare i feriti e, in generale, di gestire i pazienti in modo dignitoso ed efficace.

In base a quanto riportato da BBC News, i ribelli del movimento M23 stanno bloccando le due principali strade che conducono a Goma da nord e ovest, impedendo il transito dei prodotti. La popolazione di Goma è aumentata nei recentemente come conseguenza dell’aumento del numero di persone in fuga dagli scontri in corso.
"Abbiamo paura di rimanere affamati se l'esercito congolese non libererà presto alcune delle principali strade. Si può sentire il panico qui... le persone sono molto spaventate", ha dichiarato il signor Boling, un residente di Goma, alla BBC.

La situazione nel nord del paese sta degenerando mentre gli scontri non mostrano segni di arresto.
Questa condizione di conflitto e instabilità ha effetti non solo sul numero totale di morti e feriti (sia militari che civili), ma anche, come testimoniano questi report, su molti altri ambiti della vita della popolazione: assistenza sanitaria, sicurezza, disponibilità di acqua e cibo.

Secondo Al-Jazeera, finora la violenza crescente nell'est della RDC ha avuto come conseguenza l’esodo interno di almeno 150.000 persone, più della metà dei quali bambini.

 

Per saperne di più, vedi:

https://www.icrc.org/en/document/north-kivu-dozens-injured-arrive-in-goma-during-intense-fighting

https://www.bbc.com/news/world-africa-68255614

https://www.aljazeera.com/gallery/2024/2/9/photos-aid-groups-sound-alarm-over-escalating-dr-congo-violence

 

 

Letto 84 volte