Affrontare l'impatto dei cambiamenti climatici e dei conflitti in Medio Oriente

Una donna raccoglie i rifiuti in una discarica Una donna raccoglie i rifiuti in una discarica Mumtahina Tanni / Pexels

I conflitti armati nel Vicino e Medio Oriente aggravano gli effetti umanitari del degrado ambientale e dei cambiamenti climatici

Il crescente bisogno di aiuti umanitari in tutto il Vicino e Medio Oriente è aggravato dagli effetti combinati del cambiamento climatico, del degrado ambientale e dei frequenti conflitti armati. Un esempio è rappresentato da Iraq, Siria, e Yemen, regioni dove guerre e violenze hanno un profondo impatto sulla sicurezza, lo stile di vita, la salute e la mobilità della popolazione locale. Le questioni legate al degrado ambientale si aggiungono alle difficoltà causate dal perenne stato di tensione dell'area.

Tra le ripercussioni della convergenza dell’effetto di conflitti armati, degrado ambientale e rischi climatici, si contano un'inondazione in un insediamento informale per sfollati interni a Taiz, nello Yemen, che ha innescato un significativo aumento degli sfollati interni e transfrontalieri; le frequenti tempeste di polvere che hanno sferzato Baghdad, in Iraq, costringendo la popolazione a cercare cure mediche e a chiudere le scuole; lo sviluppo e il peggioramento dell'inquinamento ad Aleppo, in Siria, come causa diretta dei conflitti armati.

"Making Adaptation Work", un nuovo documento politico del CICR (Comitato Internazionale della Croce Rossa) e della Croce Rossa Norvegese, illustra le ripercussioni umanitarie dei conflitti e dei cambiamenti climatici, e discute le strategie di adattamento che stanno emergendo per affrontare l'impatto combinato di questi fenomeni. 

Secondo il CICR e la Croce Rossa Norvegese, un obiettivo essenziale per mitigare gli effetti negativi di questi eventi è lo sviluppo della resilienza delle comunità ai rischi climatici e ambientali nei luoghi colpiti da conflitti armati; si chiede inoltre una collaborazione immediata tra gli attori dei settori umanitario, dello sviluppo, climatico, ambientale e statale per aiutare le popolazioni colpite da conflitti armati e violenza a far fronte agli effetti a breve, medio e lungo termine del cambiamento climatico e del deterioramento dell'ambiente.

 

Per saperne di più:

https://reliefweb.int/report/world/making-adaptation-work-addressing-compounding-impacts-climate-change-environmental-degradation-and-conflict-near-and-middle-east

https://www.icrc.org/en/document/report-impact-climate-change-and-armed-conflict-near-and-middle-east 

https://www.icrc.org/sites/default/files/wysiwyg/Activities/Climate-Change/313551_policy_report_making_adaptation_work_uu_2.pdf

 

di Chiara Cacciatore 

Letto 220 volte