Ucraina: missile russo uccide dei civili in un centro commerciale

Il centro commerciale di Kremenchuk dopo l’attacco. Il centro commerciale di Kremenchuk dopo l’attacco. 022 Giorgi Gogia/Human Rights Watch

30 Giugno 2022

Attualmente sono in corso indagini sul recente attacco russo contro i civili in un centro commerciale a Kremenchuk, nell'Ucraina centrale. 

Il 27 giugno, le forze russe hanno lanciato un missile su un centro commerciale a Kremenchuk, una città situata nell'Ucraina centrale, nell'Oblast' di Poltava. Secondo le autorità locali e in base alla situazione attuale, l’attacco ha ucciso almeno 18 civili, ferendone molti altri; attualmente vi sono anche 36 dispersi. Riguardo l’accaduto, un rappresentante del Ministero della Difesa russo ha affermato che il complesso commerciale fosse in realtà chiuso quando si è verificato l’attacco; la dichiarazione è chiaramente falsa, e più di 1000 civili, acquirenti e personale, erano all'interno dell'edificio mentre il missile veniva lanciato.

Riguardo al tragico evento, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha dichiarato che è "uno degli attacchi terroristici più azzardati nella storia europea". Inoltre, Dmytro Lunin, governatore della regione centrale di Poltava ha descritto l'attacco come un "atto di terrorismo contro i civili"; inoltre, a peggiorare le cose, è il fatto che sembra che non ci fosse nessun obiettivo militare nelle vicinanze, e che il centro commerciale non avesse alcun valore strategico. Per questo motivo, la comunità internazionale sta indagando sull'evento in quanto potenziale crimine di guerra, il quale dovrebbe essere valutato dalla Corte Penale Internazionale e da altri organi investigativi, come ha affermato Yulia Gorbunova, ricercatrice ucraina senior di Human Rights Watch.

Nel frattempo, soccorritori e operatori umanitari stanno lavorando ininterrottamente per trovare i sopravvissuti; attualmente è difficile stimare quante persone potrebbero ancora essere intrappolate nelle macerie, e spesso anche il riconoscimento dei morti è complicato a causa delle ferite. Una cosa certa è che l'uso di armi esplosive con effetti su vaste aree è considerato illegale e indiscriminato.

 

Per saperne di più, vedi anche:

 

di Alexia Tenneriello

Letto 34 volte