Migranti picchiati e denudati al confine greco-turco

Migranti in attesa al confine greco-turco in Pazarkule, Edirne, Turchia. Migranti in attesa al confine greco-turco in Pazarkule, Edirne, Turchia. IHA via AP

18 marzo 2020

Violenze nei confronti di migliaia di siriani che varcano la frontiera turca per cercare rifugio in Grecia. 

Le forze di sicurezza greche al confine greco-turco hanno sequestrato, aggredito sessualmente, derubato e denudato i richiedenti asilo in Grecia. Il governo greco ha riferito che quasi 10.000 persone sono state fermate al confine greco-turco, nell’arco di 24 ore, di cui 150 arrestate mentre tentavano di entrare in Grecia. L’UE ha elogiato gli sforzi compiuti nella sicurezza alle frontiere.

Questi spostamenti sono avvenuti dopo che, il 27 febbraio, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato di non proibire più l’apertura dei confini del Paese a migranti e rifugiati intenzionati a raggiungere l’Europa. Una dichiarazione che non rispetta l’accordo del 2016 che prevedeva di trattenere migranti e rifugiati nel Paese. A poche settimane dalla dichiarazione del Presidente turco Erdogan, le Nazioni Unite hanno stimato che circa 15.000 persone hanno varcato il confine turco per dirigersi in Grecia.

“L’Unione europea si sta nascondendo dietro uno scudo di violenze da parte delle forze di sicurezza greche, piuttosto che aiutare la Grecia a proteggere e procedere a ricollocare i richiedenti asilo in maniera adeguata in tutta l’UE” afferma Nadia Hardman, ricercatrice dei diritti umani e avvocato della Human Rights Watch. “L’Unione Europea dovrebbe proteggere le persone bisognose di protezione internazionale invece di sostenere le forze armate che picchiano, derubano, denudano e abbandonano richiedenti asilo e migranti nel fiume.”

Dall’inizio della guerra civile in Siria, si stima che 3.6 milioni di rifugiati siriani siano fuggiti in Turchia. La Human Rights Watch esorta il governo greco a “revocare immediatamente la decisione di negare l’asilo alle persone provenienti dalla Turchia e a perseguire penalmente agenti responsabili di maltrattamenti, violenze e abusi al confine.” La Human Rights Watch ritiene che “le Nazioni Unite debbano fornire tutti gli aiuti necessari alla Grecia per provvedere al trasferimento immediato in Europa dei richiedenti asilo provenienti dalla Turchia.” 

Per saperne di più:

https://www.hrw.org/news/2020/03/17/greece-violence-against-asylum-seekers-border#

https://www.aljazeera.com/news/2020/03/turkish-police-bolster-greek-border-stop-migrants-return-200305114014230.html

https://www.nytimes.com/2020/03/02/world/europe/migrant-death-greece.html?auth=login-google

Author: Teagan Foti; Translator: Simona Smacchi

Letto 273 volte