Trovate Fosse Comuni di 535 Vittime di Violenza Interetnica nella RDC

Peacekeeper dell'operazione Monusco nella RDC, 2013 Peacekeeper dell'operazione Monusco nella RDC, 2013 Monusco

5 Febbraio 2019

Cresce la violenza interetnica tra le comunità Banunu e Batende nella RDC fra tensione politica e epidemia di Ebola, lasciando centinaia di morti

Gli Investigatori dell’ONU hanno trovato fosse comuni di almeno 535 vittimi di attacchi interetnici tra le comunità Banunu e Batende nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) occidentale. L’Alto Commissario per i Diritti Umani dell’ONU, Michelle Bachelet, ha affermato che secondo “racconti credibili,” lo sterminio è stato “organizzato e pianificato” ed è stato portato a termine in parecchi giorni, a partire dal 16 dicembre 2018. Le investigazioni dell’Ufficio Congiunto dei Diritti Umani dell’ONU (UNJHRO) indicano che benché non ci sia conferma sugli autori dei massacri, , “le attacchi sono stati estremamente violenti e rapidi, lasciando poco tempo per la popolazione a fuggire.” Lo sterminio ha lasciato 111 feriti mentre  16,000 sono scappati dalla regione ,di cui 7,000 hanno attraversato il fiume, rimanendo dentro il paese.

Sebbene le comunità Banunu e Batende abbiano una storia di conflitto e la violenza etnica non è purtroppo un fatto infrequente nella RDC, Yumbi, l’area che condividono, è considerata generalmente più stabile di altre regioni nel paese. Lo sterminio si è verificato in un momento  di alta tensione politica nella RDC, con l’elezione presidenziale del paese fissate per il 30 dicembre 2018 e poi ritardate dal governo del Presidente Joseph Kabila. I votanti in Yumbi non sono stati in grado di esprimere il loro voto perché l’edificio della Commissione Elettorale è stato demolito totalmente nel saccheggio del villaggio. Per di più, l’epidemia del virus Ebola nella RDC orientale ora è diventata la seconda più grande di sempre, con più di 740 persone infettate e 460 morte fino adesso, aggiungendo un livello di tensione ulteriore nella regione.

L’ONU ed i suoi partner umanitari nella RDC hanno aiuti di emergenza, quali medicine, cibo, acqua potabile, e kit per la malaria per sostituire i quali che sono stati demoliti, e più assistenza è in arrivo. La Missione di peacekeeping dell’ONU nella RDC (MONUSCO) ha dichiarato che “condanna vigorosamente” la violenza e sta richiedendo un’indagine completa che “garantirebbe giustizia alle vittime e promuoverebbe la riconciliazione fra le due comunità.” Inoltre, il Rappresentante dell'UNICEF nella RDC ha dichiarato che sebbene  abbiano cercato di contenere il contagio di Ebola nelle regioni lungo il confine orientale della RDC, il virus continua a diffondersi a causa dell’insicurezza e degli spostamenti della popolazione.

 

Per saperne di più:

https://news.un.org/en/story/2019/01/1031612

https://www.bbc.com/news/world-africa-46896159

https://www.nytimes.com/2019/01/29/world/africa/congo-violence-graves-ebola.html

 

Letto 4650 volte