Armi incendiarie

Massiccia esplosione Massiccia esplosione © Photo by guvendemir on iStock

Cosa sono le armi incendiarie? 

Le armi incendiarie sono tra le armi più crudeli usate nei conflitti armati contemporanei. Queste armi feriscono o uccidono le persone o danno fuoco agli oggetti attraverso il calore o la fiamma prodotta da una reazione chimica di una sostanza infiammabile come il napalm o il fosforo bianco. 

 

Qual è l'impatto sui civili?

Le armi incendiarie causano ustioni estremamente dolorose e strazianti, obiettivi civili e altre infrastrutture. Le ustioni inflitte da queste armi possono produrre sofferenza immediata e conseguenze a lungo termine, portando fino alla morte. In particolare, le armi incendiarie possono causare ustioni di quarto e quinto grado che danneggiano la pelle, i muscoli, i legamenti, i tendini, i nervi, i vasi sanguigni e persino le ossa, portando a shock e infezioni. Un'altra possibile conseguenza sono i danni respiratori ai polmoni e ai tessuti, causati dall'avvelenamento da monossido di carbonio. 

I sopravvissuti spesso sperimentano disabilità per tutta la vita e traumi psicologici a causa delle gravi cicatrici e sfigurazioni che possono spingere anche a ritirarsi dalla società. 

Inoltre, bisogna evidenziare che le armi incendiarie usate nelle aree popolate, soprattutto in Siria, causano anche danni socio-economici e spostamenti forzati poiché distruggono case, scuole, ospedali e altre infrastrutture civili.  

 

Cosa sta facendo la comunità internazionale a riguardo?

Il Protocollo III della Convenzione sulle Armi Convenzionali (CCW) del 1980 regola le armi incendiarie e più di 110 Stati ne fanno parte. Tuttavia, il Protocollo presenta delle lacune che riducono il suo potere legale e normativo, poiché esclude le munizioni multiuso che hanno gli stessi effetti incendiari e non contiene una regolamentazione forte per i modelli lanciati da terra così per quelli lanciati in aria.  Per questo motivo, Human Rights Watch esorta gli Stati a rivedere il Protocollo e a colmare queste lacune e gli Stati aderenti alla Convenzione hanno espresso il loro impegno a rivedere e rafforzare la protezione offerta dal Protocollo III, affrontando la questione durante la Conferenza di Revisione della CCW del 2021 che si terrà a dicembre 2021. 

 

Sources: 

https://www.hrw.org/news/2018/11/14/myths-and-realities-about-incendiary-weapons

https://www.hrw.org/topic/arms/incendiary-weapons

https://humanitariandisarmament.org/issues/incendiary-weapons/

http://www.weaponslaw.org/glossary/incendiary-weapon-definition#:~:text=Incendiary%20weapons%20kill%20or%20injure,Convention%20on%20Certain%20Conventional%20Weapons.

https://disarmament.ch/events/ccw-sixth-review-conference/

 

Autore: Eleonora Gonnelli

Letto 117 volte