Aggiornamenti sullo Yemen

Edifici in Yemen Edifici in Yemen Foto di Dinosmichail via Unsplash

La popolazione dello Yemen continua ad affrontare enormi sofferenze a causa del conflitto, del deterioramento economico, dell'interruzione dei servizi pubblici e dei cambiamenti climatici

Come riportato da UN News, lo Yemen si trova, ad oggi, di fronte a una situazione critica ma ha l’opportunità di uscire dalla crisi umanitaria affrontando i fattori di bisogno.

"Sebbene le dinamiche del conflitto regionale abbiano introdotto ulteriori rischi, la comunità umanitaria continua a impegnarsi per rimanere e fornire assistenza". Ha dichiarato Peter Hawkins, coordinatore umanitario ad interim delle Nazioni Unite nel Paese.
Dopo l'inizio della guerra a Gaza lo scorso ottobre, i ribelli Houthi hanno lanciato attacchi alle navi commerciali nel Mar Rosso, con ripercussioni sul commercio globale e un aumento delle tensioni geopolitiche.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e altri Paesi hanno risposto con contrattacchi bellici.

Gli operatori umanitari hanno riferito che la mortalità infantile nello Yemen è leggermente migliorata nel 2023, dopo anni di assistenza continua.
Tuttavia, il Paese sta registrando uno dei più alti tassi di malnutrizione mai registrati.

  • Quasi la metà dei bambini al di sotto dei cinque anni soffre di arresto della crescita da moderato a grave, dovuto a una cattiva alimentazione, e la situazione continua a peggiorare.
  • Inoltre, 12,4 milioni di persone non hanno accesso sufficiente all'acqua potabile, aumentando il rischio di malattie infettive, mentre più di 4,5 milioni di bambini in età scolare non frequentano la scuola
  • Si stima che circa 4,5 milioni di persone in tutto lo Yemen siano attualmente sfollate, un terzo delle quali è stato sradicato più di una volta.

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) ha istituito un hub umanitario nel governatorato di Ta'iz, nello Yemen meridionale, per migliorare l'accesso ai servizi essenziali e sostenere le comunità vulnerabili.

La regione deve affrontare sfide significative, tra cui una crisi idrica, sistemi sanitari al collasso e un accesso limitato all'assistenza umanitaria.

L'OIM fornisce servizi essenziali alle comunità sfollate da oltre tre anni, occupandosi di circa 10.000 persone in 13 siti.

 

Per saperne di più, leggi: 

https://www.icrc.org/en/document/gaza-risk-complete-medical-shut-down-without-urgent-action-preserve-services

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2024/01/israel-must-comply-with-key-icj-ruling-ordering-it-do-all-in-its-power-to-prevent-genocide-against-palestinians-in-gaza/

 

 

Letto 34 volte