Conflitto in Ucraina: serve un passaggio sicuro per i profughi

Una donna reclama pace in Ucraina durante una manifestazione Una donna reclama pace in Ucraina durante una manifestazione Derek French su Pexels

 6 marzo 2022

 Il capo dell'Onu chiede una pausa per permettere ai profughi di fuggire dalla zona di conflitto in Ucraina: dall'inizio della guerra sono state segnalate 1.123 vittime civili

Una guerra tra governi di paesi diversi non dovrebbe colpire i civili; tuttavia, questi sono i gruppi più presi di mira durante un conflitto. Gli episodi violenti in Ucraina ne sono la prova più recente. Negli ultimi giorni milioni di ucraini hanno cercato di fuggire e cercare rifugio nei paesi confinanti; sfortunatamente, non tutti hanno avuto successo a causa di vari ostacoli. Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), ha riferito che oltre 1,5 milioni di persone sono entrate nei Paesi vicini in soli dieci giorni.

Il 5 marzo, il segretario generale delle Nazioni Unite (ONU), António Guterres, ha chiesto una pausa nei combattimenti per consentire il passaggio sicuro dei civili e anche per fornire aiuti umanitari e rifornimenti a coloro che rimangono in Ucraina. Secondo Guterres, i civili sono a rischio soprattutto nelle città di Mariupol, Kharkiv e Sumy. Allo stesso modo, il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) riporta incessanti episodi di violenza. Il capo dell'agenzia delle UNHCR ha affermato che il conflitto in Ucraina ha creato la crisi dei rifugiati in più rapida crescita in Europa dalla seconda guerra mondiale.

Bombe e armi non sono le uniche cause di morte tra i civili. La diffusione di malattie e infezioni è una conseguenza ovvia e triste della violenza. La distruzione delle infrastrutture idriche e sanitarie, la copertura vaccinale inadeguata, i movimenti della popolazione, l'affollamento e la mancanza di accesso a ospedali e farmacie sono la principale causa di diffusione di malattie infettive come COVID-19, morbillo, poliomielite, tubercolosi e HIV. Il primo rapporto sulla situazione dell'Ucraina pubblicato il 5 marzo dall'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite (OMS) ha posto l'assistenza sanitaria mentale ("stress significativo dovuto a conflitti acuti", come afferma l'agenzia) e traumi e lesioni legati al conflitto come priorità sanitarie per il paese.

 

Per saperne di più: 

https://news.un.org/en/story/2022/03/1113372

 

Autore: Giulia Francescon

Letto 210 volte