L'escalation del conflitto nella regione del Tigray peggiora la crisi umanitaria

Donna seduta vicino ad un edificio ad Addis Abeba Donna seduta vicino ad un edificio ad Addis Abeba Mesfin Tesfaye su Unsplash

3 novembre 2021

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani chiede l'immediata cessazione dei combattimenti e sollecita azioni rafforzate per la protezione dei civili e dei loro diritti

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha espresso preoccupazione per la situazione umanitaria in Etiopia. Dopo una recente escalation del conflitto, Bachelet ha invitato tutte le parti a fermare immediatamente i combattimenti. Secondo il rapporto che conclude l'indagine congiunta della Commissione etiope per i diritti umani (EHRC)/Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) sulla presunta violazione dei diritti umani, del diritto umanitario e dei rifugiati nella regione del Tigray, la società civile ha dovuto affrontare gli abusi commessi da tutte le parti del conflitto. Il rapporto si basa su quasi 270 interviste con vittime e testimoni e su più di 60 incontri con funzionari federali e regionali. Mostra le brutalità perpetrate - tra cui la violenza sessuale commessa dalle forze etiopi, eritree e tigrine. 

Il conflitto tra l'Ethiopian National Defence Force (ENDF), l'Eritrean Defence Force (EDF), le Amhara Special Forces (ASF) e altre milizie da una parte del conflitto, e le Tigrayan Special Forces (TSF), le milizie del Tigray e altri gruppi alleati è iniziato il 3 novembre 2020. Fino al 28 giugno 2021, quando il governo etiope ha dichiarato un cessate il fuoco unilaterale, sono state commesse diverse violazioni e abusi, come uccisioni illegali, torture, violenze sessuali e di genere e spostamenti forzati di civili - che costituiscono una violazione dei diritti umani internazionali, del diritto umanitario e dei rifugiati. Bachelet afferma che alcuni di questi atti illegali potrebbero anche costituire crimini contro l'umanità e crimini di guerra. 

Inoltre, i combattimenti hanno ostacolato la consegna di aiuti e cibo agli abitanti della regione del Tigray, lasciando migliaia di persone in condizioni quasi di carestia. Riferendosi al Rapporto, Bachelet spiega anche che i combattimenti tra le forze speciali del Tigrai e la forza di difesa eritrea (EDF) vicino al campo profughi di Shimelba hanno costretto migliaia di rifugiati eritrei a fuggire. Allo stesso modo, migliaia di civili sono fuggiti dopo essere stati oggetto di attacchi etnici e identitari, come lo spostamento forzato dell'etnia amhara da parte del gruppo giovanile tigrino Samri a Mai Kadra e il diffuso spostamento di ritorsione dell'etnia tigrina da parte delle forze speciali amhara. 

 

Per saperne di più:

https://news.un.org/en/story/2021/11/1104742

https://www.ohchr.org/Documents/Countries/ET/OHCHR-EHRC-Tigray-Report.pdf

 

Autore: Pietro Mattioli; Editore: Timo Knaebe

Letto 10 volte