Dieci morti nell'attacco aereo in Tigray

Mercato dell’Etiopia settentrionale Mercato dell’Etiopia settentrionale Lesly Derksen su Unsplash

28 October 2021

Un jet militare del governo etiope ha bombardato una fabbrica a Mekelle, capitale della regione del Tigray, uccidendo 10 persone

Un attacco, parte di una campagna di bombardamenti guidata dal governo nazionale, ha colpito una fabbrica utilizzata dai ribelli del Fronte Popolare di Liberazione del Tigray (TPLF), l’ex partito al potere nella regione. Secondo le fonti ribelli e i medici che sono intervenuti, ci sono state 10 vittime e oltre 20 feriti, civili e bambini inclusi. Nelle ultime settimane, il Tigray è stato teatro di bombardamenti aerei pressoché giornalieri, dato che l’esercito ha intensificato l’impiego dell’aviazione nel conflitto contro il TPLF che dura da quasi un anno. Aljazeera riporta che, solo nella giornata del 18 Ottobre, un raid aereo aveva ucciso tre bambini e un numero più elevato di persone. 

Gli ufficiali del governo hanno dichiarato che gli obiettivi colpiti nel Tigray settentrionale e occidentale corrispondevano a strutture militari a supporto del TPLF che hanno contribuito al prolungarsi della guerra civile etiope. Il conflitto è iniziato nel Novembre 2020 dopo i presunti atti di tradimento del TPLF ai danni delle Forze Etiopi di Difesa Nazionale, alle quali il Primo Ministro Ahmed Ali aveva risposto inviando delle truppe ad abbattere il Fronte di Liberazione. La situazione si inasprisce fino al 1 Maggio 2021, data in cui il governo federale approva formalmente una risoluzione parlamentare dichiarando il TPLF un’organizzazione terroristica. 

Tra le conseguenze del conflitto ci sono migliaia di morti e centinaia di migliaia di rifugiati sfollati. Attualmente, il TPLF controlla gran parte del Tigray e si sta espandendo in due aree adiacenti: Afar e Amhara, dove anche gli scontri si sono intensificati. I recenti bombardamenti da parte del governo hanno provocato lo scontento internazionale e interrotto l’accesso alla regione dell’ONU e dei giornalisti: un vero e proprio blocco degli aiuti umanitari nonostante si stimi che 400 000 stiano affrontando una carestia. 

 

Per saperne di più, visitare:

https://www.aljazeera.com/news/2021/10/28/ethiopia-air-strike-on-tigray-kills-several

https://www.reuters.com/world/africa/ethiopia-air-strike-hits-tigray-tplf-says-3-civilians-killed-govt-says-factory-2021-10-28/

https://www.france24.com/en/live-news/20211028-ethiopia-air-strike-on-tigray-kills-6-hospital-rebel-sources

 

Autore: Dulce María Hernández Márquez; Traduttore: Melissa Viselli

Letto 200 volte