Yemen: la crisi peggiora

Uno Yemenita mostra l’immagine di un bambino ferito da armi da fuoco Uno Yemenita mostra l’immagine di un bambino ferito da armi da fuoco NickolayV su iStock

15 ottobre 2021

La situazione sanitaria, economica ed alimentare in Yemen è al collasso a causa del conflitto in atto da anni nel territorio

Il 10 ottobre il funzionario umanitario delle Nazioni Unite, David Gressly, ha dichiarato che la popolazione yemenita continua a subire la difficile situazione determinata da conflitti e violenze in corso in tutto il paese, sottolineando la necessità di far terminare le ostilità in modo che le persone possano ricostruire passo dopo passo le proprie vite distrutte dalla guerra. Come afferma Mr. Gressly, scuole, fabbriche, vie di comunicazione e tutte le infrastrutture, che hanno favorito il funzionamento del paese per anni, sono state pesantemente danneggiate. Inoltre, Mr. Gressly ha sottolineato l'urgente necessità di sostenere la popolazione dello Yemen attraverso finanziamenti internazionali dedicati al sostegno dei servizi pubblici di base.

Nel corso del 2021 la malnutrizione acuta e severa è aumentata raggiungendo livelli mai visti prima. Infatti, 2,3 milioni di bambini sotto i 5 anni soffrono di malnutrizione acuta e 400.000 sono in pericolo di vita.  La stessa situazione si è ripercossa anche su 1.2 milioni di donne incinte o in allattamento. All’interno di un paese in cui si sono diffuse malattie come colera, febbre dengue, difterite e ora il COVID-19, il sistema sanitario è inagibile e 20 milioni di persone non hanno la possibilità di accedere a cure mediche salvavita. Al fine di garantire la ripresa del paese è necessario sostenere i funzionari pubblici che non  vengono retribuiti da mesi a causa del conflitto di Abd Rabbo Mansour Hadi, appoggiato a livello internazionale, e le forze di opposizione di Houthi presenti a nord del territorio yemenita. Secondo Mr. Gressly senza l’aiuto dei funzionari pubblici la risposta umanitaria rischia di diventare più costosa.

Date le preoccupazioni relative alla situazione alimentare dello Yemen, le Nazioni Unite hanno chiesto a marzo una raccolta fondi del valore di 3,6 miliardi di dollari. Ad oggi sono stati raccolti quasi $2,1 miliardi. Secondo la recente Assemblea Generale delle Nazioni Unite a questa cifra si aggiungono $500-$600 milioni. Mr. Gressly sostiene che sebbene la risposta internazionale per altre emergenze sia stata maggiore, in questo caso è stata focalizzata sulla sicurezza alimentare che rappresenta un salvavita più diretto e veloce. Durante un briefing dinanzi al consiglio di sicurezza, il Vice Segretario Generale Ramesh Rajasingham ha fatto appello alla comunità internazionale affinché faccia il possibile per tenere a bada la carestia.

 

Per saperne di più:

https://news.un.org/en/story/2021/10/1102682

https://www.intersos.org/guerra-nello-yemen-sei-anni-di-crisi-dimenticata/

https://www.aljazeera.com/news/2021/10/14/yemens-humanitarian-crisis-growing-as-economy-collapses-un

 

Autore: Sara Taherzadeh; Editor: Maxime Grenier

Letto 106 volte