Attacchi indiscriminati contro la popolazione civile nel Tigrè, Etiopia

Bambini a scuola Bambini a scuola Photo by Bill Vegener on Unsplash

12 Febbraio 2020

Il conflitto interno etiope ha provocato oltre 200 mila sfollati interni e costretto parte della popolazione a fuggire. 

Human Rights Watch (HRW) ha recentemente riconosciuto il carattere indiscriminato dei bombardamenti perpetrati contro la popolazione civile nell’area urbana del Tigrè, lo scorso novembre 2020. Gli attacchi contro la popolazione civile e contro infrastrutture non considerate obiettivi militari sono in violazione delle leggi di guerra applicate al conflitto nella regione.  

Tra il 9 e il 28 Novembre 2020 diversi bombardamenti hanno avuto luogo nella parte nord dell’Etiopia, nelle città di Humera, Shire e Mekelle. Città governate dal Fronte Popolare di Liberazione del Tigrè (FPLT), partito che ha formato parte della coalizione del governo etiope fino al 2019. Infrastrutture civili tra cui ospedali, scuole, abitazioni, fabbriche e imprese sono state bombardate e distrutte dalle forze federali etiopi. Le tensioni fra il governo federale etiope e il FPLT, attribuibili ad un precedente attacco orchestrato del partito contro i campi dell’esercito federale, hanno causato almeno 83 morti tra cui anche bambini. Il numero preciso delle vittime è arduo da stimare considerato che la regione del Tigrè rimane inaccessibile agli operatori umanitari e ai media. Tuttavia, secondo HRW i bombardamenti hanno generato 200.000 sfollati interni e costretto decine di migliaia a fuggire nel confinante Sudan. 

Secondo una ricerca effettuata da Human Rights Watch tramite immagini satellitari e raccolta di informazioni attraverso testimoni, i bombardamenti erano diretti contro la popolazione civile piuttosto che contro obiettivi militari. Alla luce di ciò, HRW sta sollecitando l’alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite affinché una squadra di investigazione venga inviata sul posto per indagare le presunte violazioni delle leggi di guerra e accertare che le prove degli abusi vengano preservate. Inoltre, l’organizzazione non governativa sta esercitando pressioni al governo etiope al fine di riconoscere le violazioni e attribuire agli autori la responsabilità dei loro crimini.

 

Per saperne di più:

https://www.aljazeera.com/news/2021/2/11/hrw-says-ethiopian-shelling-killed-many-civilians-in-tigray

https://www.hrw.org/news/2021/02/11/ethiopia-unlawful-shelling-tigray-urban-areas

https://www.reuters.com/article/us-ethiopia-politics/ethiopias-ruling-coalition-agrees-to-form-single-party-ahead-of-2020-vote-idUSKBN1XV24H

 

Autore: Martina Ravagnani; Editor: Alexander Collin

Letto 29 volte