Lo spettro della pulizia etnica in Etiopia

Donna etiope a Addis Ababa Donna etiope a Addis Ababa Photo by Erik Hathaway on Unsplash

16 dicembre 2020

Il governo nazionale etiope sta permettendo una persecuzione etnica della popolazione di lingua tigrina.

The New Humanitarian (TNH) ha riferito di persecuzioni etniche in corso contro la popolazione del Tigray in Etiopia, con un drastico aumento delle violenze nella provincia del Tigrè nella parte settentrionale del paese. Il governo, guidato dal primo ministro, Abiy Ahmed, ha ordinato al dipartimento di difesa nazionale di effettuare operazioni militari nella provincia con l'obiettivo di colpire i leader del Fronte Popolare di liberazione del Tigrè (TPLF).

Ahmed ha denunciato il TPLF e l'ha definita un'organizzazione terroristica che vuole dividere il paese a metà. Sfortunatamente, civili innocenti stanno pagando il prezzo di questi scontri armati. Secondo il TNH, più di un milione di tigrini sono stati cacciati dalle loro case e costretti a fuggire ad Addis Abeba e in Sudan. I rifugiati del Tigrè hanno anche accusato l'esercito etiope, e le milizie alleate, di condurre attacchi a sangue freddo contro i civili.

Questo conflitto comprende una palese violenza nei confronti di una comunità etnica e un modello di discriminazione etnica. Vale a dire, il governo etiope sta praticamente incoraggiando le autorità e i civili non tigrini a schedare chiunque sembri tigrino o parli il dialetto. Per esempio, ci sono state numerose segnalazioni di tigrini che vivono ad Addis Abeba e in altre zone al di fuori del Tigrè, che vengono derisi per strada, schedati in ristoranti e mercati, e le loro case perquisite illegalmente dalle forze di polizia Etiopi.

Si potrebbe sostenere che la leadership etiope stia giustificando una sistematica campagna di profilazione etnica contro la popolazione del Tigrè con gli scontri contro il TPLF. Tale situazione dimostra chiaramente la mancanza di responsabilità dello Stato e dovrebbe allarmare la comunità internazionale. Le azioni dell'esercito etiope provocano la perdita di posti di lavoro, spostamenti forzati e morti. Spetta ai leader mondiali esercitare pressioni politiche sul governo etiope per porre fine a questa profilazione etnica.

 

Per saperne di più:

https://www.thenewhumanitarian.org/news-feature/2020/12/16/Ethnic-profiling-Tigray-tensions-Ethiopia  

https://www.reuters.com/article/ethiopia-security-un-bachelet/ethiopia-volatile-with-fighting-ethnic-profiling-of-tigrayans-un-rights-boss-idUKKBN28J1CP 

 

Autore: Sergio Gomez; Editor: Aleksandra Krol; Traduzione: Sofia Antonelli

Letto 624 volte