Il mondo ha dimenticato lo Yemen?

Una scuola che ospita persone sfollate a Sana’a riceve generi di soccorso dall’Unicef nel 2015 Una scuola che ospita persone sfollate a Sana’a riceve generi di soccorso dall’Unicef nel 2015 OCHA/Charlotte Cans

12 giugno 2020

Le promesse di donazioni internazionali per supportare lo Yemen non bastano e minano numerosi programmi di aiuto delle Nazioni Unite (ONU)

Il 2 giugno 2020, si è tenuto un importante evento virtuale che impegna attori internazionali a raccogliere fondi per la crisi in Yemen in supporto alla popolazione afflitta da un conflitto che dura ormai da cinque anni. Come riporta l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (UNOCHA), i donatori internazionali, tra i quali i rappresentati di più di 125 paesi membri, organizzazioni internazionali, agenzie dell’ONU, organizzazioni non-governative (ONG) e società civile, hanno promesso di dare $1.35 miliardi per le operazioni di assistenza umanitaria. Anche se l’impegno dei donatori è stato accolto positivamente dalla comunità internazionale, rimane deludente di fronte alla richiesta urgente dell’ONU di raccogliere $2.4 miliardi per supportare i propri programmi e quelli dei partner per contrastare l’impatto devastante della guerra e della pandemia Covid-19.

In seguito all’evento, il segretario generale del Consiglio Norvegese per i Rifugiati (CNR), Jan Egeland, ha dichiarato: “Siamo contenti delle promesse fatte oggi. Ma sono ancora al di sotto rispetto a quanto è necessario per alleviare le sofferenze”. Ha poi aggiunto: “Ma i soldi da soli non bastano. Queste promesse valgono poco se le persone continuano a fuggire da bombe, combattimenti e attacchi agli ospedali. Tutte le fazioni dovrebbero cessare il fuoco e unire le forze per combattere l’unico nemico comune: il Covid-19”.

Secondo il The New Humanitarian, l’ONU aveva richiesto l’anno scorso $4.2 miliardi di finanziamenti ai donatori, ricevendone però solo $3.6 miliardi. Questa volta l’ONU ha annunciato che tre quarti dei suoi programmi umanitari rischiano di essere chiusi a causa di finanziamenti inadeguati e delle promesse non rispettate. In Yemen, un paese lacerato dalla guerra, le persone sopravvivono quasi esclusivamente grazie ad aiuti umanitari provenienti dall’esterno. Con l’avanzare della pandemia, le vite di milioni di persone sono ancor più a rischio a fronte di continui conflitti e di un sistema sanitario ormai al collasso. Questo è il momento di agire per le potenze globali e di unire le forze per proteggere il popolo yemenita lasciato solo.

 

Per saperne di più, visitare: 

https://www.aljazeera.com/news/2020/06/issues-desperate-plea-financial-aid-war-ravaged-yemen-200612175307651.html  

https://www.thenewhumanitarian.org/news/2020/06/03/Yemen-coronavirus-aid-pledges-Saudi-Arabia 

https://www.nrc.no/news/2020/june/reaction-to-the-yemen-pledging-conference/

https://www.unocha.org/sites/unocha/files/2020%20Yemen%20HLE%20Announcement%20Results.pdf 

 

Autore: Rossella Fadda

Letto 359 volte