I continui conflitti etnici forzano i rifugiati a scappare dalla Repubblica Democratica del Congo verso l’Uganda

Didascalia: La polizia ugandese vigila sul Lago Albert al confine con la Repubblica Democratica del Congo Didascalia: La polizia ugandese vigila sul Lago Albert al confine con la Repubblica Democratica del Congo Getty

28 gennaio 2020

I continui conflitti etnici forzano i rifugiati a scappare dalla Repubblica Democratica del Congo verso l’Uganda

Soltanto nell’ultimo mese, più di 1,000 sfollati interni sono scappati dalla regione dell’Ituri nella Repubblica Democratica del Congo verso l’Uganda.Dal 2017 almeno 60,000 persone sono scappate dalla regione e più di 1,000 sono arrivate in Uganda soltanto nell’ultimo mese. Il decennale conflitto etnico tra le forze armate ha fortemente influenzato la stabilità di questa area.

Secondo quanto riportato da Catherine Soi di Al Jazeera, i testimoni dal centro di registrazione per i rifugiati nell’Uganda occidentale hanno raccontato che gli attacchi nel loro paese si sono intensificati. Ora stanno aspettando di essere portati verso gli insediamenti per i rifugiati che si trovano nell’entroterra.  L’Ufficio dell'Alto Commissario per i Diritti Umani ha dichiarato che la violenza perpetrata contro l’etnia Hema può costituire un crimine contro l’umanità.

Questo afflusso massiccio di rifugiati crea una continua tensione per l’accaparramento delle risorse in Uganda, un paese che già ospita 1.3 milioni di rifugiati. L’etnica Hema e Lendue, nella provincia dell’Ituri nel Nord-Est del paese, sono in conflitto da anni. Soltanto tra il 1999 e il 2003, diecimila persone hanno perso la vita negli scontri tra i due gruppi etnici.

 

Autore: Rachel Warner; Editor: Teagan Foti; Traduzione: Silvia Luminati

 

 

 

 

 

 

 

Letto 371 volte