Crescente violenza nell’Est del Congo

Forze di pace delle Nazioni Unite nella regione del Sud Kivu Forze di pace delle Nazioni Unite nella regione del Sud Kivu Crispin Kyala/Reuters

Crescente violenza e innumerevoli atrocità hanno segnato gli ultimi due mesi nell’Est della Repubblica Democratica del Congo, causando migliaia di profughi.

Gli ultimi due mesi hanno visto un nuovo, crescente tasso di violenza nell’est della Repubblica Democratica del Congo. Migliaia di profughi hanno lasciato le loro case, con decine di villaggi dati a fuoco e massicce uccisioni in tutta la regione. Ma quello che può sembrare solamente un conflitto locale potrebbe in realtà ben essere una assai più complessa guerra multi-regionale, che coinvolge diversi Stati vicini, e che potrebbe potenzialmente innescare a sua volta una nuova, disastrosa pulizia etnica. Il punto centrale di tutto ciò è la divisione di lunga data tra le tribù Babembe, Bafuliru e Banyindu, che formano la maggior parte della popolazione del Congo, e la comunità Banyamulenge, gruppo di allevatori di bestiame di origini Rwandesi, spesso denigrati come stranieri. Nonostante la situazione di sempre difficile convivenza e i frequenti scontri, solo gli ultimi due mesi hanno visto un consistente incremento nel numero di attacchi da parte delle prime tre tribù contro i Banyamulenge. E ciò che è ancor più rilevante è che per la prima volta queste tribù, solitamente divise da altre dispute interne, si sono unite contro l’ultima, con sempre più frequenti incursioni contro i loro villaggi e stragi deliberate, spingendo così la comunità Banyamulenge in una sempre più stretta striscia di terra nel Sud Kivu. Nonostante la Forza di Pace delle Nazioni Unite in Congo (MONUSCO) e l’esercito Congolese abbiano rispettivamente rinforzato le loro posizioni, la situazione non è per niente cambiata. Ancor più, invece, gruppi ribelli da alcuni degli Stati vicini (tra tutti, Rwanda e Burundi), hanno unito le loro forze con i Babembe, Bafuliru e Banyindu, fornendo loro quantità supplementari di armi e uomini, assieme a logistica. 

 

 

Per saperne di più:

 

https://www.aljazeera.com/news/2019/10/dr-congo-fighting-thousands-flee-ethnic-violence-191008100051236.html

https://www.peaceinsight.org/conflicts/dr-congo/

https://www.thenewhumanitarian.org/news/2019/10/28/eastern-Congo-Kivu-conflict-regional-tensions

 

Autore: Pasquale Candela

Letto 526 volte