Una nuova risoluzione delle Nazioni Unite per sostenere la città portuale dello Yemen

4 febbraio 2019

La nuova missione delle Nazioni Unite a sostegno dell'accordo Hodeidah incrementerà il numero di osservatori che monitorano il cessate il fuoco a Hodeidah, nello Yemen.

 Il 16 gennaio 2019, le Nazioni Unite (ONU) hanno approvato la risoluzione 2452, che ha istituito la Missione delle Nazioni Unite a sostegno dell'accordo Hodeidah (UNMHA). La Risoluzione giunge dopo una valutazione del rispetto dell'Accordo di Stoccolma che includeva un accordo di cessate il fuoco nei porti di Hodeida, Sail e Ras Issa. Entrambe le parti dell'accordo, il governo yemenita e il movimento Houthi, si sono da allora accusate a vicenda di aver violato i termini del cessate il fuoco a Hodeidah. Di conseguenza, la risoluzione include l'aumento del numero di osservatori ONU a Hodeidah da 20 a 75 per verificare le condizioni di cessate il fuoco.

Hodeidah è sede del porto principale dello Yemen. La maggior parte del commercio e degli aiuti internazionali del paese devono passare attraverso Hodeidah. Tuttavia, il conflitto violento negli ultimi quattro anni ha gravemente limitato il trasporto di merci in tutta la città. Di conseguenza, l'economia dello Yemen è rimasta paralizzata e la sua popolazione è arrivata sull'orlo della fame.

  Lo scopo della risoluzione è mantenere il cessate il fuoco a Hodeidah per consentire agli aiuti internazionali di entrare in Yemen. Durante i primi sei mesi del periodo iniziale della sua attuazione, l'UNMHA ha il compito di monitorare il rispetto del cessate il fuoco stabilito nell'accordo di Stoccolma. Il mandato dell'UNMHA include inoltre la salvaguardia della sicurezza della città portuale conformemente alla legge yemenita, il coordinamento della piena attuazione dell'accordo Hodeidah ed il sostegno al Comitato di Coordinamento per la Ricollocazione (RCC), una coalizione tra il movimento Houthi ed il governo yemenita che vincola le forze armate a rimanere al di fuori delle principali città portuali in Yemen.

 

Per saperne di più:

https://news.un.org/en/story/2019/01/1030582

https://www.securitycouncilreport.org/atf/cf/%7B65BFCF9B-6D27-4E9C-8CD3-CF6E4FF96FF9%7D/s_res_2452.pdf

https://undocs.org/S/2018/1134

https://news.un.org/en/story/2018/12/1029501

Letto 4418 volte