Etiopia, le conseguenze dell'emergenza sanitaria

Bambina africana durante la vaccinazione Bambina africana durante la vaccinazione © Photo by Lucio Patone onUnsplash

L'articolo è una breve presentazione del rapporto di Medecins Sans Frontieres sulle difficoltà di accesso all'assistenza sanitaria nel Tigray, Etiopia. 

A causa del degrado degli ospedali, della mancanza di servizi di base e della difficoltà per le associazioni umanitarie come Médecins Sans Frontières (MSF), di accedere alla regione del Tigray colpita da un conflitto interno, per le persone malate in Etiopia risulta sempre più difficile sopravvivere.

La guerra è scoppiata a novembre, quando il Primo ministro Abiy Ahmed ha annunciato scontri interni tra le sue forze e quelle del governo regionale ribelle. I leader del Tigray hanno dominato l'Etiopia per quasi trent'anni, prima di essere surclassati, a causa dell'introduzione da parte di Abiy di cambiamenti politici che gli sono valsi il Premio Nobel per la Pace nel 2019. Inoltre, dall'inizio della guerra, i servizi di base sono stati presi di mira e gravemente compromessi. Infatti, l'ONU afferma che il 78% degli ospedali è inagibile, mentre MSF riferisce che oltre agli ospedali “circa l'80 -90% dei centri sanitari visitati tra Mekele e Axum non erano funzionanti, sia per mancanza di personale o perché avevano subito rapine”.

I malfunzionamenti della  sanità in Etiopia sono innumerevoli. In primo luogo, il problema più intuitivo è la mancanza di servizi di base e in alcuni casi di elettricità. Le comunicazioni sono state interrotte, i miliziani hanno assaltato i servizi di trasporto e hanno riconvertito autobus e camion per uso militare, vietando ai malati di raggiungere gli ospedali in sicurezza. Albert Viñas, che è stato coinvolto in quasi 50 interventi di emergenza con Medici Senza Frontiere (MSF), afferma di aver visto "persone arrivare in ospedale in bicicletta portando un paziente da 30 chilometri di distanza". Quelli che riescono ad arrivare negli ospedali, indipendentemente da come ci arrivano, sono fortunati. Donne che sopportano gravidanze difficili, persone affette da malattie gravi o bambini con fratture  non possono muoversi senza alcun supporto e sono quindi condannati a restare a casa rischiando di morire , poiché la mancanza di mezzi di trasporto potrebbe essere fatale. In secondo luogo, non tutte le persone che riescono ad arrivare in ospedale riescono anche a guarire. In altre parole, gli ospedali in Etiopia sono così debilitati e decaduti a causa degli scontri interni, che non sono in grado di funzionare al massimo del loro potenziale o anche alla metà di esso; il rapporto afferma che i tassi di funzionalità sono scesi al 10-20%. In terzo luogo, gli ospedali sono danneggiati internamente, in alcuni casi presentano segni di colpi di artiglieria e delle attrezzature mediche insufficienti,  obsolete o rotte. Riguardo alle  attrezzature mediche, è importante menzionare che  gli ospedali non solo sono presi di mira dagli attacchi di artiglieria, ma sono anche derubati. Il 27 dicembre, il personale di MSF è entrato nell'ospedale generale di Adwa e poi ha riferito che "tutti i medicinali erano stati rubati e che l'arredamento e le attrezzature erano rotti".

I problemi non finiscono qui. Gli ospedali mancano di attrezzature tanto quanto manca il personale medico. La maggior parte del personale sanitario se n'è andato, temendo per la propria vita, poiché gli ospedali continuano ad essere un obiettivo degli assalti.

Quando il New York Times ha potuto intervistare i medici etiopi mesi fa, ha riferito che gli operatori sanitari hanno parlato in condizione di anonimato per evitare rappresaglie da parte del governo, inviando messaggi  e parlando tramite  una rara connessione a Internet della città. "Uno ha fornito foto di pazienti feriti all'ospedale che erano stati colpiti nel bombardamento: bambini con corpi butterati da schegge, un uomo con la testa insanguinata, una donna sdraiata prona con la gamba ingessata".

MFS ha cercato di accedere al Tigray, insieme alle Nazioni Unite, ma fornire aiuti umanitari sembra ancora pericoloso e quasi impossibile. Ricordando la sua esperienza in Etiopia, Albert Viñas ha affermato: “Sono colpito da quanto sia stato difficile - e continua ad esserlo - accedere a persone in grande bisogno di aiuto in un'area così densamente popolata. Considerando i mezzi e la capacità di analisi posseduti dalle organizzazioni internazionali e dalle Nazioni Unite, il fatto che ciò stia accadendo è un fallimento del mondo umanitario ".

È necessaria un'azione urgente, nessun conflitto politico o territoriale dovrebbe mai superare il limite di invalidare le persone al punto che preferirebbero morire a casa piuttosto che andare in ospedale.

 

Per saperne di più

https://www.msf.org/people-finding-access-healthcare-difficult-tigray-ethiopia  

https://www.nytimes.com/2020/12/03/world/africa/ethiopia-tigray-civilian-casualties.html  

 

Autore: Benedetta Spizzichino Editore: Eleonora Gonnelli

Letto 102 volte