La violenza dei gruppi armati in Colombia

Protesta in Colombia contro le FARC  Protesta in Colombia contro le FARC © Photo by Unknown on iStock

Questo rapporto è una breve presentazione del rapporto di Human Rights Watch sulle uccisioni dei difensori dei diritti umani in Colombia.

Human Rights Watch (HRW) è un'organizzazione internazionale non governativa che si occupa di analizzare e denunciare gli abusi che avvengono in tutte le regioni del mondo. L'organizzazione è composta da esperti, avvocati, giornalisti e altri che studiano e denunciano le violazioni dei diritti umani. L'advocacy di HRW è diretta ai governi, ai gruppi armati e alle imprese, e si sforza di riformare le politiche, far rispettare le leggi e ottenere giustizia. Questo rapporto è stato scritto da Nathalye Villarreal, assistente di ricerca per le Americhe, e Juan Pappier, ricercatore senior per le Americhe.

Durante le ricerche per questo rapporto, HRW ha intervistato più di 130 persone in 20 Stati della Colombia, tra cui: 40 difensori dei diritti umani, 39 procuratori/investigatori, 25 funzionari dell'ufficio del difensore civico dei diritti umani o dell'ufficio dell'ispettore generale, 16 funzionari di agenzie internazionali per i diritti umani e umanitari che operano in Colombia e 10 funzionari dell'amministrazione Duque. Inoltre, HRW ha inviato richieste di accesso alle informazioni a numerose agenzie governative colombiane, e le risposte pervenute si ritrovano nella relazione. Inoltre, il rapporto fa riferimento a statistiche e documenti ufficiali del governo colombiano, pubblicazioni di organizzazioni umanitarie e non governative internazionali e nazionali e articoli di giornale.

Secondo il rapporto di HRW, la Colombia è il Paese che registra il più alto numero di difensori dei diritti umani uccisi in America Latina, con più di 400 omicidi dal 2016. Queste uccisioni sono principalmente attribuite ai vari gruppi armati in Colombia. Prima della sua smobilitazione nel 2016/2017, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia - Esercito del Popolo (Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia, FARC) erano il più grande gruppo armato del Paese. Lo storico accordo di pace, raggiunto nel 2016 tra il governo colombiano e le FARC, ha portato alla smobilitazione del gruppo armato e ha creato "iniziative specifiche per prevenire l'uccisione dei difensori dei diritti umani". Inoltre, l'ufficio del procuratore generale ha avviato indagini prioritarie su "qualsiasi uccisione di questo tipo avvenuta a partire dall'inizio del 2016". Nonostante tali azioni, le uccisioni di difensori dei diritti umani sono aumentate in quanto altri gruppi armati hanno colmato il vuoto causato dalla smobilitazione delle FARC.

Nell'opporsi alla presenza di gruppi armati o nel denunciare le loro violazioni, molti difensori dei diritti sono stati esposti a molti rischi. Altri difensori dei diritti sono morti durante gli attacchi indiscriminati dei gruppi armati contro i civili. Le regioni remote della Colombia sono particolarmente vulnerabili a violenze periodiche, poiché le forze dell'ordine e i processi giudiziari vengono raramente coinvolti in queste aree. HRW ha determinato che "questa assenza di istituzioni statali ha lasciato innumerevoli comunità senza difese".

Nonostante l'accordo di pace del 2016 abbia delineato una serie di misure per "affrontare le attività economiche illegali, la mancanza di opportunità economiche legittime e la debole presenza dello Stato, fattori che per decenni hanno permesso ai gruppi armati, comprese le Farc, di prosperare," la lentezza nell'attuazione di questi piani si è tradotta in un miglioramento pressoché nullo della situazione dei difensori dei diritti umani. Inoltre, anche se il governo ha dispiegato il potere militare in alcune parti del Paese, ha fatto ben poco per rafforzare il sistema giudiziario e migliorare l'accesso ai servizi pubblici, all'istruzione e alle opportunità economiche legali. Le soluzioni sostenibili per ridurre gli episodi di violenza dipendono dalla capacità del governo di supportare queste realtà.

Al fine di eliminare la violenza contro i difensori dei diritti umani, HRW consiglia al presidente Iván Duque di iniziare "aumentando la presenza dello Stato nelle aree remote del Paese, affrontando le cause profonde della violenza e garantendo un supporto maggiore ai pubblici ministeri che indagano sulle uccisioni dei difensori dei diritti umani". I governi donatori, come l'Unione Europea e gli Stati Uniti, hanno il potere di contribuire a questi sforzi sostenendo le agenzie colombiane responsabili della prevenzione e della sensibilizzazione sulle uccisioni dei difensori dei diritti umani. Possono inoltre subordinare l'assistenza alla sicurezza alla dimostrazione di prove tangibili di miglioramenti nei diritti umani in Colombia. In conclusione, la diminuzione del numero di difensori dei diritti umani assassinati dipende dagli sforzi collettivi di varie agenzie appartenenti al governo colombiano che possono essere sostenute dalla comunità internazionale.

 

Per saperne di più:

www.hrw.org/report/2021/02/10/left-undefended/killings-rights-defenders-colombias-remote-communities#8782

 

Autore: Sitara Sandhu; Editor: Gabriella Pavlakis; Traduzione: Debora Salvo

Letto 71 volte