Impatto delle armi esplosive sulla salute psicologica dei bambini

Un bambino con un signore anziano Un bambino con un signore anziano © Photo by Pritam Kumar on Pexels

Questa è una presentazione del Rapporto di Action on Armed Violence sull'impatto della violenza esplosiva sulla salute psicologica infantile.

Action on Armed Violence (AOAV) è un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro, impegnata nella ricerca e nella difesa per ridurre l'impatto della violenza armata globale. La sua attenzione si concentra principalmente sui danni causati dalle armi esplosive. Il rapporto analizza l'impatto delle armi esplosive sulla salute psicologica dei bambini, soprattutto per quanto riguarda gli effetti a lungo termine dell'esposizione diretta e indiretta a un'esplosione. Inoltre, vengono affrontate le tendenze attuali nel fornire supporto alle vittime.

Anche se i disturbi psicologici e mentali sono spesso diagnosticati nei bambini che sono stati direttamente o indirettamente esposti alla violenza esplosiva, non è sempre prevedibile fino a che punto questa forma di violenza influenzerà la vita di un bambino. I sintomi più comuni, tra cui il Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD), sono stati spesso riscontrati in bambini esposti alla violenza esplosiva e si ritiene che tali disturbi possano persistere anche dopo la crescita - anche se tale esposizione è finita molto tempo prima. Molte variabili dettano il modo in cui un bambino risponde alla violenza esplosiva. Certamente, fattori importanti da prendere in considerazione sono le circostanze dell'esplosione e del conflitto in generale, così come le risorse disponibili per contenere gli effetti sulla salute mentale del bambino.

C'è una forte correlazione tra l'esposizione diretta alla violenza esplosiva e il conseguente PTSD nei bambini. Tuttavia, rispetto agli adulti, i bambini hanno meno probabilità di mostrare segni di trauma dopo un'esplosione o di parlare delle loro esperienze. Per questo motivo, è più probabile che la condizione di un bambino venga trascurata o rimanga non diagnosticata e quindi spesso non è utile confrontare i dati di adulti e bambini sulla rispettiva prevalenza del PTSD. Le disparità di genere possono anche essere identificate nei dati sul PTSD, dato che le ragazze hanno più di tre volte più probabilità di soffrire di PTSD rispetto ai ragazzi. Si sospetta che questa differenza possa essere dovuta alla diversa educazione e socializzazione al trauma a cui sono esposte le ragazze.

I bambini potrebbero anche essere psicologicamente colpiti dalla violenza delle esplosioni attraverso l'esposizione indiretta. Il termine "esposizione interpersonale" è usato per descrivere il trauma di perdere una persona cara o un tutore in un'esplosione.  Tuttavia, la perdita di un membro della famiglia non è l'unico modo per un bambino di diventare una vittima indiretta delle armi esplosive, poiché il trauma può anche essere trasmesso da una generazione all'altra quando un membro della famiglia soffre di PTSD. Il fenomeno della trasmissione intergenerazionale potrebbe essere visto nei bambini attraverso manifestazioni di angoscia e ansia, che spesso li porta a sperimentare maggiori difficoltà nel loro sviluppo psicosociale rispetto ai figli di genitori senza PTSD.

Vivere un trauma ha un impatto significativo sullo sviluppo cognitivo e sociale di un bambino.  I disturbi della salute mentale diminuiscono la capacità del bambino di impegnarsi in attività e di costruire relazioni significative. La comunità che circonda i bambini che soffrono di questi disturbi può avere una grande influenza sulla loro ripresa. Tuttavia, in situazioni di conflitto, le relazioni in cui i bambini si trovano sono spesso soggette a traumi e possono quindi influenzare negativamente la salute dei bambini.

Senza un intervento in una fase precoce, i disturbi di salute mentale dei bambini possono persistere e peggiorare nell'età adulta, il che potrebbe portare ad un aumento del rischio di alcolismo, abuso di droghe, depressione e persino provocare suicidi. Tuttavia, il supporto psicologico di cui le vittime avrebbero bisogno è spesso carente nei paesi a basso e medio reddito devastati dalla guerra. In queste zone, i bambini spesso non hanno accesso a cure psichiatriche pediatriche specializzate e gli effetti ad ampio raggio delle armi esplosive li privano di qualsiasi altro tipo di ambiente che potrebbe essere utile alla loro terapia.

Il Rapporto conclude quindi che le armi esplosive possono far sentire i bambini incerti, insicuri e terrorizzati. Tuttavia, gli effetti a lungo termine di questi traumi sono difficili da prevedere. Una nota positiva è che gli interventi precoci sono in grado di migliorare i problemi di salute mentale associati alle armi esplosive, se sono gestiti in modo appropriato. Infine, c'è bisogno di una ricerca sulle esperienze a lungo termine dei bambini nelle aree post-conflitto e nei paesi meno sviluppati, dato che la ricerca attuale si concentra soprattutto sui paesi con reti di supporto psicologico più integrate e accessibili.

 

Per saperne di più:

https://aoav.org.uk/2021/the-impact-of-explosive-violence-on-childrens-psychological-health/

https://reliefweb.int/sites/reliefweb.int/files/resources/CH1325872.pdf

Letto 107 volte