Assoluzione di Laurent Gbagbo: udienza di appello all'Aia

Laurent Gbagbo e Charles Blé Goudé all’udienza del 15 gennaio 2019, presso la Corte Penale Internazionale all’Aia Laurent Gbagbo e Charles Blé Goudé all’udienza del 15 gennaio 2019, presso la Corte Penale Internazionale all’Aia ICC-CPI

22 giugno 2020

Il procuratore della CPI mira a revocare le assoluzioni dell'ex presidente ivoriano e del suo ministro della gioventù, accusati di crimini contro l'umanità

Il 22 giugno, si è tenuta la prima udienza della Camera d'Appello della Corte Penale Internazionale (CPI) nel quadro del processo contro Laurent Gbagbo e Charles Blé Goudé, rispettivamente ex presidente e ministro della gioventù della Costa d'Avorio. La sentenza della Camera non sarà emessa immediatamente, ma avrà di certo gravi ripercussioni sul prossimo futuro del Paese africano.

Laurent Gbagbo ha iniziato la sua carriera politica come oppositore di Félix Houphouët-Boigny, primo presidente ivoriano dopo l'indipendenza del Paese e fino al 1993. Divenne presidente dopo aver vinto le elezioni del 2000, quando oceaniche manifestazioni di piazza costrinsero la giunta militare a lasciare il potere. Nel 2010, alla conclusione del suo secondo mandato, Gbagbo si presentò a nuove elezioni. Nel dicembre 2010, Alassane Ouattara, ex primo ministro di Boigny, si aggiudicò il ballottaggio. Gbagbo, tuttavia, rifiutò di dichiararsi sconfitto. Mentre la Commissione elettorale indipendente decretava vincitore Ouattara, il Consiglio costituzionale si precipitò a invalidare 600.000 voti, ribaltando il risultato. Iniziarono quindi gli scontri a fuoco tra le due fazioni, che si protrassero fino ad aprile 2011, quando le forze leali a Ouattara, con l’appoggio di truppe francesi e caschi blu, riuscirono nella cattura dell’ex presidente. Circa 3.000 persone persero la vita nei mesi seguenti le elezioni.

Gbagbo fu arrestato per crimini contro l'umanità e portato all'Aia: divenne il primo capo di Stato a dover rispondere dei suoi crimini davanti alla CPI.  Anche il suo ex ministro della gioventù, Charles Blé Goudé, fu condotto davanti alla Corte. Gbagbo e Goudé sono stati processati con quattro capi d'accusa per crimini contro l'umanità: omicidio, stupro, altri atti inumani o - in alternativa - tentato omicidio e persecuzione. Tali crimini sarebbero stati commessi tra dicembre 2010 e aprile 2011, ad Abidjan, Abobo e Yopougon. I due casi sono stati riuniti nel 2015, il processo è iniziato nel gennaio 2016. Tre anni dopo, la Camera di prima istanza I ha assolto entrambi gli imputati da tutti i capi d'accusa.

Gbagbo e Goudé sono stati quindi rilasciati, ma costretti a rimanere in Belgio e a consegnare i loro passaporti. Nel settembre 2019, il procuratore della CPI Fatou Bensouda ha presentato ricorso contro la decisione di assoluzione, definita "giuridicamente e processualmente viziata". Mentre l'udienza di appello ha inizio, la Costa d'Avorio si prepara alle elezioni. Anche se un tribunale ivoriano ha condannato Gbagbo a 20 anni di carcere, questo autunno i suoi sostenitori vorrebbero vederlo candidato alla presidenza.

 

Per saperne di più: 

https://www.washingtonpost.com/world/africa/icc-prosecutors-seek-to-overturn-gbagbo-acquittal/2020/06/22/feaa3556-b489-11ea-9a1d-d3db1cbe07ce_story.html

https://www.aljazeera.com/news/2020/06/icc-hears-prosecutor-appeal-laurent-gbagbo-acquittal-200622092811808.html

https://www.icc-cpi.int/cdi/gbagbo-goude

https://www.theguardian.com/world/2011/apr/11/ivory-coast-former-leader-arrested

https://www.limesonline.com/gbagbo-e-allaja-perche-non-ha-fatto-gli-interessi-della-francia/63118

 

Autore: Ester Zangrandi

Letto 16 volte