Il Regno Unito approva le licenze per l'esportazione di armi in Arabia Saudita

Attivista di Amnesty International che protesta contro la vendita di armi del Regno Unito all'Arabia Saudita nel 2016 Attivista di Amnesty International che protesta contro la vendita di armi del Regno Unito all'Arabia Saudita nel 2016 Ratcliffe/Getty Images

08 luglio 2020

Il Regno Unito approva il rilascio delle licenze per la vendita o il trasferimento di armi all'Arabia Saudita, nonostante il loro potenziale impiego nel conflitto yemenita

Nella dichiarazione del 7 luglio 2020, il Segretario di Stato per il Commercio Internazionale del Regno Unito, Liz Truss, ha annunciato il completamento della revisione delle licenze di esportazione di armi del Regno Unito - ordinata dalla Corte d'Appello. Il Dipartimento per il Commercio Internazionale ha deciso di continuare a concedere ulteriori licenze per le esportazioni militari in Arabia Saudita in quanto "non vi è un chiaro rischio che l'esportazione di armi e attrezzature militari in Arabia Saudita possa essere utilizzata per commettere una grave violazione del diritto internazionale umanitario".

La dichiarazione è una risposta all'ordinanza della Corte d'appello del Regno Unito del 10 luglio 2017. Più recentemente, nel giugno 2020, la Corte d'Appello del Regno Unito ha dichiarato irrazionale e illegale la decisione del governo di approvare l'esportazione di armi nel Regno dell'Arabia Saudita, in quanto il governo non aveva tenuto in considerazione le violazioni del diritto internazionale umanitario commesse dall'Arabia Saudita in passato.  

Per questo motivo, il Segretario di Stato per il commercio internazionale ha accettato di rivedere le accuse della Corte con riferimento ai più importanti principi del diritto internazionale umanitario e alla luce di tutte le informazioni disponibili per determinare se vi possa essere il rischio di un potenziale utilizzo di tali armi nello Yemen. Nel frattempo - quindi - il governo del Regno Unito ha smesso di rilasciare licenze per l'esportazione di armi verso l'Arabia Saudita o i suoi partner della coalizione yemenita, proprio per non incorrere in un rischio simile. 

Nell'ultima dichiarazione rilasciata il 7 luglio 2020, il Segretario di Stato ha confermato il completamento dell'analisi di diritto internazionale umanitario e ha affermato che non ci sono modelli e tendenze per quanto riguarda gli incidenti che si verificano in Arabia Saudita. Pertanto, il Ministero degli Affari Internazionali ha dichiarato che non vi è un chiaro rischio che le esportazioni di armi dal Regno Unito siano utilizzate dall'Arabia Saudita nella guerra dello Yemen per violare il diritto internazionale umanitario. Di conseguenza, il Dipartimento per il Commercio Internazionale elaborerà le nuove richieste di licenza per le esportazioni verso l'Arabia Saudita e i suoi partner della coalizione.

Secondo Alyn Smith, portavoce del Partito nazionale scozzese per gli affari esteri, il governo britannico ha "ripetutamente e vergognosamente anteposto i profitti alla pace". Il Regno Unito continuerà ad essere uno dei principali fornitori di aerei da combattimento e bombe per la devastante guerra devastante condotta dall'Arabia Saudita nello Yemen.

 

Per saperne di più:

https://www.aljazeera.com/news/2020/07/uk-resume-saudi-arms-exports-yemen-war-concerns-200707184144766.html

https://www.saferworld.org.uk/resources/news-and-analysis/post/885-statement-on-the-uk-government-decision-to-resume-licensing-arms-exports-to-saudi-arabia-

 

Autore: Carolina Tellez; Editor: Sara Gorelli; Traduzione: Antonella Palmiotti

Letto 37 volte