Stampa questa pagina

UNICEF, i minori devono essere maggiormente tutelati in Africa

bambini camminano verso la scuola, Nigeria bambini camminano verso la scuola, Nigeria © Photo by Tope A. Asokere on Pexels

In Focus by Alessia Rossinotti; Editor: Alexander Collin

A seguito del rapimento di 140 studenti in Nigeria, la Direttrice Esecutiva di UNICEF, Henrietta Fore, ha espresso grande preoccupazione per la sicurezza dei minori in Africa centrale e occidentale, a causa del sempre maggiore numero di attacchi contro i civili, bambini inclusi.

I diversi conflitti che caratterizzano diversi Paesi nella regione pongono le vite dei minori a serio rischio. Nonostante l’esistenza di trattati internazionali e di norme di Diritto Internazionale Umanitario, i bambini continuano ad essere oggetto dei combattimenti sul campo. Come affermato da Fore, tutte le parti coinvolte in tali conflitti devono rispettare le norme internazionali a tutela dei civili in conflitto.

I minori nella regione vengono colpiti tramite rapimenti, attacchi violenti e gravi violazioni dei diritti umani. Uno degli esempi più recenti in tal senso è un attacco avvenuto in Burkina Faso lo scorso lunedì, dove hanno perso la vita 130 civili, bambini inclusi, divenendo uno degli attacchi più mortali nella storia del Paese.

La comunità internazionale ha un obbligo morale di agire concretamente e in modo collettivo per fornire la piena protezione dei bambini dai conflitti e dalla violenza. Inoltre, il continuo supporto alle organizzazioni umanitarie che lavorano sul campo rimane fondamentale per far sì che i minori ricevano il supporto e l’assistenza umanitaria necessaria. Servono azioni ulteriori per assicurare che i bambini possano godere dei loro diritti fondamentali e vivere liberi dalla violenza.

 

Fonti:

UNICEF calls for action to reverse ‘spiraling protection crisis’ for children in West and Central Africa | | UN News

Concerns deepen over attacks against children and child abductions in parts of West and Central Africa (unicef.org)

 

Autore: Alessia Rossinotti; Editor: Alexander Collin

Letto 100 volte