Al-Qaeda Rivendica l’Attacco Mortale ai Caschi Blu dell’ONU in Mali

Caschi blu portano un cuscino e dei fiori per omaggiare i compagni caduti. Caschi blu portano un cuscino e dei fiori per omaggiare i compagni caduti. © HABIBOU KOUYATE | AFP

4 febbraio 2019

Dieci “caschi blu” della Missione multidimensionale integrata di stabilizzazione del Mali delle Nazioni Unite (MINUSMA) sono stati uccisi in un attacco contro la loro base.

La scorsa domenica, 10 caschi blu sono stati uccisi e 25 sono rimasti feriti in un attacco sferrato da un gruppo jihadista nella base ONU nella regione a nord di Kidal, in Mali. Al-Qaeda nel Maghreb islamico (AQIM) ha rivendicato la responsabilità dell’attacco “in risposta” alla recente visita del Premier israeliano Benjamin Netanyahu nella Repubblica del Chad. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha espresso le «più sentite condoglianze al Governo del Chad, alle famiglie e ai cari delle vittime», augurando un pronto recupero ai feriti e, al contempo, rendendo omaggio alla dedizione e al coraggio di uomini e donne al servizio del MINUSMA, definendolo un «grande e personale rischio e sacrificio.»

La proliferazione dei gruppi armati, che combattono le forze governative e gli alleati nelle zone centrali e settentrionali del Mali a seguito del coup d'état fallito sei anni fa, ha reso MINUSMA la missione più pericolosa per i caschi blu delle Nazioni Unite. Il portavoce delle Nazioni Unite, Ivan Dujarric, ha annunciato che «le forze di MINUSMA sono intervenute vigorosamente e degli aggressori sono stati uccisi in risposta all’attacco.» Ha poi ricordato che gli attacchi ai caschi blu costituiscono dei crimini di guerra ai sensi del diritto internazionale, riaffermando che «tali atti non sminuiscono la risolutezza delle Nazioni Unite di continuare a sostenere le persone e il governo del Mali verso la costruzione della pace e della stabilità nel Paese.»

Il capo della missione, Mahamat Saleh Annadif, ha duramente condannato l’attacco dichiarando che «questo attacco feroce e complesso mostra la determinazione dei terroristi di seminare il caos.» Ha poi richiesto «un fermo, immediato e coordinato intervento da parte di tutte le forze per distruggere la minaccia del terrorismo nel Sahel.»

 

Per saperne di più:

https://news.un.org/en/story/2019/01/1030892

https://www.aljazeera.com/news/2019/01/peacekeepers-killed-attack-mali-aguelhoc-camp-190120132538469.html

https://africandailyvoice.com/en/2019/01/30/un-pays-tribute-ten-chadian-peacekeepers-killed-mali/

Letto 138 volte