Operazioni di pace nell'ultimo decennio

Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra © Photo by Askolds on iStock

In Focus by Sitara Sandhu; Editor: Gabriella Pavlakis; Traduzione: Sara Fontana

Circa 200 operazioni di pace con l'utilizzo di contingenti militari sono state dispiegate da organizzazioni e stati internazionali dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Queste operazioni di pace “rimangono il principale meccanismo internazionale per la gestione dei conflitti armati” secondo Paul Williams, professore di relazioni internazionali. Nel corso dell'ultimo decennio di operazioni di pace sono emerse diverse tendenze, che ci hanno permesso di prevedere il futuro del peacekeeping, nonché di identificare gli obiettivi e le sfide centrali.  

A causa di un aumento significativo delle borse di studio di alto livello sulle operazioni di pace, ora c'è una “base di prove più forte per capire come funziona il mantenimento della pace delle Nazioni Unite, così come il suo impatto”. La letteratura ha concluso che le missioni di peacekeeping delle Nazioni Unite sono efficaci, sebbene presentino limiti e sfide operative. In secondo luogo, c'è stato un declino di fiducia dell'agenda liberale di peacebuilding e la “consapevolezza politica della leva limitata esercitata da attori esterni quando cercano di costruire una pace stabile nei territori dilaniati dalla guerra”. Tuttavia, deve ancora emergere un'alternativa più favorevole. 

In compenso, le missioni di stabilizzazione hanno guadagnato un'importanza immensa durante gli anni 2010. All'inizio del decennio la stabilizzazione era principalmente dominio delle forze NATO nei Balcani e in Afghanistan, di un piccolo numero di operazioni militari dell'Unione Europea, e di un'unica missione di stabilizzazione delle Nazioni Unite: la missione ONU ad Haiti (MINUSTAH). Nel corso del decennio, le Nazioni Unite hanno autorizzato mandati di stabilizzazione in diversi paesi, tra cui Repubblica Democratica del Congo, Mali, e Repubblica Centrafricana (CAR).

Le carenze delle operazioni di peacekeeping includono progressi minimi compiuti sull'agenda donne, pace e sicurezza in relazione alle operazioni di pace. Inoltre, le donne continuano ad affrontare barriere politiche, sociali e operative che ostacolano la loro partecipazione alle operazioni di pace. In secondo luogo, sebbene sia stata posta maggiore enfasi sulla creazione di responsabilità per le forze di pace che hanno leso i civili, “i tentativi di garantire la responsabilità per cattiva condotta e indisciplina non hanno fatto altrettanti progressi”. Garantire la responsabilità individuale per i peacekeepers che hanno commesso illeciti come sfruttamento e abusi sessuali, contrabbando, e danni ai civili è una sfida cruciale che deve essere combattuta. Sebbene il dispiegamento di operazioni di pace durante gli anni 2010 abbia portato risultati variabili, ci sono stati indubbiamente più successi che fallimenti nel mantenimento della pace.  

 

Per saperne di più:

www.peacekeeping.un.org/en/military#:~:text=In%20many%20missions%2C%20protection%20of,military%20in%20UN%20peacekeeping%20operations

www.sipri.org/commentary/topical-backgrounder/2018/global-and-regional-trends-multilateral-peace-operations-2008-17

www.reliefweb.int/report/world/decade-developments-peace-operations

Letto 12 volte