Bambini e conflitto armato in Yemen

Vista di Sana'a, capitale dello Yemen Vista di Sana'a, capitale dello Yemen © Aboali777 on Pixabay

Questo articolo è una breve presentazione del rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite sull'aumento delle violazioni dei diritti dei bambini in Yemen

 Il presente rapporto, che copre il periodo dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2020, è stato presentato dal Segretario Generale delle Nazioni Unite (ONU) ai sensi della risoluzione 1612 (2005) del Consiglio di Sicurezza e delle successive risoluzioni sui bambini e i conflitti armati. È il terzo rapporto sui bambini colpiti dal conflitto armato in Yemen. Contiene informazioni sulle sei gravi violazioni commesse contro i bambini dalle parti in conflitto nello Yemen nel periodo dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2020 e fornisce raccomandazioni per porre fine e prevenire gravi violazioni contro i bambini nello Yemen e migliorare la loro protezione.

 Il rapporto afferma che il conflitto è continuato senza sosta in tutto lo Yemen e i combattimenti si sono intensificati soprattutto nei governatorati di Jawf, Ma'rib, Sana'a, Ta'izz, Hudaydah, Bayda', Abyan e Sa'dah. Il controllo territoriale esercitato dalle varie parti in conflitto ha continuato ad adattarsi durante il periodo di riferimento. Per questo motivo, le forze armate yemenite hanno continuato a essere schierate in varie località dello Yemen, anche nella parte settentrionale del paese. Il confine del paese con l'Arabia Saudita è stato teatro di frequenti disordini, soprattutto sotto forma di bombardamenti transfrontalieri, scontri sporadici a terra e attacchi aerei. Le tensioni hanno raggiunto un picco nel secondo trimestre del 2019, ma poi si sono ridotte entro la fine del 2019. Nonostante diverse dichiarazioni di tregua, le ostilità tra le parti sono continuate a intermittenza e allo stesso modo il numero di gravi violazioni contro i bambini.

 Durante il periodo di riferimento, la task force nazionale di monitoraggio e reporting ha verificato 8.526 violazioni gravi contro 3.503 bambini. All'interno dell'attuale periodo di segnalazione, il numero di violazioni gravi è aumentato significativamente da 4.105 violazioni che colpiscono 2.162 bambini nel 2019 a 4.421 violazioni che colpiscono 1.341 bambini nel 2020. La negazione dell'accesso umanitario è stata la violazione più frequentemente verificata (4.881 casi), seguita da uccisioni e mutilazioni (2.612) e reclutamento e utilizzo (861).

 La task force nazionale ha verificato 4.881 episodi di negazione dell'accesso umanitario, con un aumento di 2.000 casi dal 2019 al 2020. Mentre questo aumento significativo potrebbe essere in parte il risultato di iniziative di sviluppo delle capacità per rafforzare il monitoraggio della violazione, ha anche significato un grave deterioramento dell'ambiente operativo per gli attori umanitari in Yemen. Tra questi incidenti, il 60 per cento riguardava restrizioni di movimento all'interno del paese, il 28 per cento corrispondeva all'interferenza nell'attuazione delle attività umanitarie e il 9 per cento era la violenza che colpiva il personale umanitario, i beni e le strutture. Altri 152 incidenti (3 per cento) erano legati a restrizioni di movimento imposte alle organizzazioni umanitarie, al personale o alle merci introdotte nello Yemen.

 Inoltre, un totale di 2.612 bambini sono stati uccisi (678) o menomati (1.934) durante il periodo di riferimento. I bombardamenti di mortaio e di artiglieria, spesso in aree residenziali edificate, hanno causato il maggior numero di vittime tra i bambini (32%), mentre i combattimenti a terra, alcuni dei quali hanno coinvolto il fuoco dei cecchini e lo sparo di armi leggere, sono stati la seconda causa principale di vittime tra i bambini, colpendo il 24% dei bambini. Il resto delle vittime è stato determinato principalmente dalle mine e dalle armi esplosive, dagli attacchi aerei e da altre aggressioni aeree. Un'altra fonte di violazione è rimasta il reclutamento dei bambini, i cui fattori chiave sono stati la povertà, la disoccupazione e l'accesso limitato all'istruzione, alla formazione professionale e alle opportunità di sostentamento: i bambini hanno deciso di unirsi alle parti in conflitto per fornire sostegno finanziario alle loro famiglie e per seguire i loro coetanei o parenti affiliati ai gruppi armati. Il reclutamento ha contribuito ad aumentare le loro probabilità di essere soggetti a violazioni dei diritti umani in guerra.

 Il Segretario Generale dell'ONU ha espresso la sua preoccupazione per l'aumento del numero di violazioni perpetrate nei confronti dei bambini e degli attacchi condotti contro i principali servizi sociali, come gli ospedali e le scuole. Ha incoraggiato tutte le parti in conflitto a collaborare con la task force nazionale per sviluppare procedure operative standard, che guideranno il rilascio dei bambini dai loro ranghi e il loro passaggio agli attori civili della protezione dei bambini.

 

Per saperne di più, si prega di visitare:

 https://reliefweb.int/sites/reliefweb.int/files/resources/S_2021_761_E.pdf

 

Autore Jasmina Saric; Editore Gianpaolo Mascaro

Letto 56 volte