Guatemala: Rogo in casa di accoglienza riflette difficoltà dei minori

Un ragazzo regge una candela durante la veglia per le vittime del rogo alla casa di accoglienza Virgen de la Asuncion Un ragazzo regge una candela durante la veglia per le vittime del rogo alla casa di accoglienza Virgen de la Asuncion REUTERS/ Saul Martinez

7 maggio 2017
Secondo varie fonti, quaranta adolescenti avrebbero perso la vita in seguito all’incendio.

L’incendio sarebbe divampato dopo la tentata fuga di un gruppo di residenti dalla casa di accoglienza Virgen de la Asuncion, non lontana dalla capitale, che ospita giovani sotto i 18 anni con problemi di droga, violenza o indigenza. In realtà quello che è successo lo scorso 8 marzo, purtroppo, non è che la punta dell’iceberg: questa tragedia, infatti, ne nasconde un’altra, endemica, che riguarda una realtà caratterizzata da un elevato tasso di malnutrizione, bande criminali che prendono di mira i minori, strutture e politiche per l’infanzia inadeguate.

Sembrerebbe infatti che alcune delle ragazze ospiti dell’istituto avessero protestato la sera prima del rogo proprio per denunciare gli abusi subiti all’interno della struttura. Sebbene tali circostanze fossero già note alle autorità, non furono prese misure adeguate.

L’UNICEF ha deplorato quanto accaduto e ha esortato il governo e le autorità guatemalteche a creare un sistema nazionale che protegga i diritti dei minori, ricordando che le case di accoglienza dovrebbero rappresentare sempre l’ultima opzione, e in ogni caso una soluzione temporanea e quanto più breve possibile. Ciascun bambino e adolescente ha il diritto ad una famiglia, e lo stato deve assicurarsi che le famiglie ricevano il sostegno necessario per poter far fronte alle difficoltà relative ai propri figli.

 

Per saperne di più :

https://www.unicef.org/media/media_95071.html
http://www.reuters.com/article/us-guatemala-children-idUSKBN16F243
http://www.cbc.ca/news/world/guatemala-fire-teens-killed-1.4016046
http://www.aljazeera.com/news/2017/03/guatemela-shelter-fire-victims-laid-rest-170311051822226.html

Letto 3468 volte