Ucraina: elicottero si schianta vicino un asilo a Brovary

I resti dell’elicottero distrutto nella città di Brovary, vicino Kiev I resti dell’elicottero distrutto nella città di Brovary, vicino Kiev Daniel Cole/AP

19 Gennaio 2023

Ieri è stato riportato che un elicottero si è schiantato vicino alla capitale ucraina Kiev, uccidendo 18 persone, tra cui il primo ministro ucraino

Mercoledì 18 gennaio 2023, un elicottero che trasportava i dirigenti del ministero dell'Interno si è schiantato vicino a una scuola e a un complesso residenziale nella città di Brovary, nella regione di Kiev. Secondo funzionari ucraini, si stima che fino ad ora l'incidente abbia ucciso almeno 18 persone, comprese tutte e nove le persone a bordo, tra cui il ministro dell'Interno Denis Monastyrsky, il primo viceministro Yevheniy Yenin e il segretario di Stato Yuriy Lubkovychis. 

Lo schianto è avvenuto nei pressi di un asilo dove all'interno si trovavano il personale scolastico e bambini, provocando purtroppo la morte di 3 bambini. Inoltre, il presidente Volodymyr Zelensky, ha riferito pubblicamente che 11 bambini erano tra gli altri 25 feriti a seguito dell'incidente. Al momento sono in corso le indagini e non sono ancora chiari i motivi dell'incidente: per ora si ipotizza che l'elicottero abbia avuto un malfunzionamento o che il velivolo sia stato abbattuto. Tra le organizzazioni che hanno riportato la notizia c’è anche UNICEF Ucraina, che ha espresso la propria vicinanza alle famiglie dei bambini rimasti vittima dell’incidente; l'agenzia delle Nazioni Unite ha inoltre ribadito il suo impegno per la protezione dei bambini, in particolare durante i conflitti armati, dove non dovrebbero essere un target.

Questo evento rappresenta ancora una volta come gli effetti della guerra stiano colpendo maggiormente i civili e, tra questi, le categorie più vulnerabili, compresi i bambini. Complessivamente, come affermato anche dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, le trattative diplomatiche per la fine del conflitto purtroppo non sembrano per il momento procedere.

 

Per saperne di più, visita:

 

By Alexia Tenneriello

Letto 113 volte