I bambini Rohingya tornano a scuola

Bambino che ride e tiene una piccola lavagna Bambino che ride e tiene una piccola lavagna Photo by Akshayapatra su Pixabay

22 settembre 2021

I bambini rifugiati Rohingya tornano a scuola dopo la chiusura delle scuole più lunga del mondo

 Secondo Relief Web news, più di 164.000 bambini Rohingya nei campi profughi di Cox's Bazar in Bangladesh sono tornati oggi nei centri di apprendimento, dopo una delle più lunghe interruzioni della scuola a livello globale a causa del COVID-19. La stessa fonte riporta l'annuncio del governo secondo cui i centri di apprendimento potrebbero riaprire per i bambini nelle classi da due a quattro dopo un calo dei tassi di positività ai test per il COVID-19 a livello nazionale e a Cox's Bazar a circa il 5% questa settimana da oltre il 30% all'inizio di agosto. Le scuole del Bangladesh hanno riaperto il 12 settembre, ma i bambini Rohingya sono ancora in attesa di riprendere l'istruzione.

Save the Children, con l'aiuto di insegnanti Rohingya e bangladesi, ha fornito istruzione ai rifugiati rohingya e alla comunità ospitante in 100 centri di apprendimento nei campi di Cox's Bazar dal 2017, quando quasi un milione di rifugiati Rohingya sono fuggiti dal Myanmar in Bangladesh. Sono circa 456.000 i bambini che vivono tra i quasi 900.000 rifugiati nei campi di Cox's Bazar. I centri di apprendimento gestiti dalle agenzie umanitarie che forniscono istruzione di livello primario ai bambini rifugiati Rohingya sono stati chiusi 18 mesi fa. Questa chiusura si è aggiunta alla grave discriminazione e alla negazione dei diritti basilari che i bambini Rohingya hanno subito fino ad oggi. Secondo un rapporto di Save The Children del giugno 2021, più di 700.000 bambini Rohingya in Bangladesh, Myanmar, Malesia, Thailandia e Indonesia non possono accedere a un'istruzione di qualità. Questo rende i bambini vulnerabili alle costrizioni imposte dalle loro famiglie per sopravvivere, come il lavoro minorile e il matrimonio infantile, e ad abusi più pesanti come il traffico e la detenzione.

Save the Children ha accolto con favore la riapertura dei centri di apprendimento, ma ha chiesto al governo di permettere anche ad altre fasce di età di tornare nelle loro aule e di attuare un programma pilota che utilizzi il curriculum del Myanmar. Onno Van Manen, il direttore nazionale dell'associazione in Bangladesh, ha detto che gli sforzi devono essere raddoppiati per fornire un'istruzione di qualità ai bambini Rohingya e questo può essere raggiunto anche attraverso la sensibilizzazione della comunità per convincere le famiglie a rimandare i loro figli a scuola.

 

 

 

Fonti:

https://reliefweb.int/report/bangladesh/rohingya-refugee-children-back-classroom-after-one-world-s-longest-school-closures 

https://reliefweb.int/sites/reliefweb.int/files/resources/No%20Safe%20Haven%20-%20Save%20the%20Children%20June%202021.pdf 

https://thediplomat.com/2021/09/rohingya-refugee-children-are-being-denied-an-education/ 

 

Autore Jasmina Saric; Editor: Gianpaolo Mascaro

  

Letto 87 volte