Il sottofinanziamento logora le strutture sanitarie afghane

Edificio in cima ad una collina di Kabul  Edificio in cima ad una collina di Kabul Photo by Suliman Sallehi on Pexels

06 settembre 2021

Lo stop del finanziamento del progetto "Sehatmandi" rischia di compromettere l'accesso all'assistenza sanitaria in Afghanistan

 A partire da agosto 2021, una pausa nei finanziamenti al progetto "Sehatmandi", la spina dorsale del sistema sanitario afghano, ha lasciato milioni di afghani con il rischio di perdere l'accesso all'assistenza sanitaria essenziale. Infatti, più del 90% di queste strutture sanitarie sono ora a rischio di chiusura.

Secondo la Banca Mondiale, il progetto Sehatmandi è un progetto finanziato da più donatori che mira ad aumentare l'utilizzo e la qualità dei servizi sanitari, della nutrizione e della pianificazione familiare in tutte le 34 province dell'Afghanistan. Secondo Reliefweb, il progetto è la principale fonte di assistenza sanitaria nel paese, poiché ha fornito più di 20000 operatori sanitari in 2309 strutture mediche. La stessa fonte riferisce che nel 2020 più di 30 milioni di persone hanno beneficiato dei servizi sanitari forniti attraverso il progetto, con circa 1,5 milioni di bambini vaccinati. Lo stop ai finanziamenti entrato in vigore alla fine del mese scorso comporta che più di 2000 di queste strutture sanitarie siano ora a rischio di chiusura. La chiusura delle strutture sanitarie ha conseguenze anche sulla gestione del COVID-19. Reliefweb afferma che solo il 3% dei 1318 letti di isolamento COVID-19 in Afghanistan rimarrà in funzione. Questo ostacola gli sforzi per contenere la diffusione del COVID-19, in una situazione di particolare rischio di trasmissione dovuto alla circolazione della variante Delta, alla bassa copertura vaccinale e allo spostamento della popolazione su larga scala. Se non affrontato con urgenza, il mancato accesso all'assistenza sanitaria potrebbe portare a migliaia di malattie e morti prevenibili. Anche l'accesso delle donne al personale sanitario femminile sarebbe gravemente compromesso.

Per mitigare queste conseguenze, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta lavorando con i partner delle ONG per assicurare la continuità dei servizi in circa 500 strutture sanitarie prioritarie colpite dalla sospensione dei finanziamenti. Secondo le notizie dell'OMS, le forme e i partner del settore sanitario stanno richiedendo 66 milioni di dollari per fornire servizi sanitari essenziali e di supporto alla vita per 3,4 milioni di persone fino alla fine dell'anno.

 

Fonti:

https://reliefweb.int/report/afghanistan/funding-pause-results-shut-down-more-2000-health-facilities-afghanistan 

https://projects.worldbank.org/en/projects-operations/project-detail/P160615 

http://www.emro.who.int/afg/afghanistan-news/funding-pause-results-in-shut-down-of-more-than-2000-health-facilities-in-afghanistan.html 

 

Autore: Jasmina Saric; Editor: Gianpaolo Mascaro

 

Letto 5 volte