Iraq: l'ISIS ha commesso un genocidio contro la minoranza Yazidi

Una giovane donna yazidi siede con i suoi tre figli all'interno di una tenda nel campo di Sharya, nel nord dell'Iraq. Una giovane donna yazidi siede con i suoi tre figli all'interno di una tenda nel campo di Sharya, nel nord dell'Iraq. Foto di Joel Carillet

11 maggio 2021

Il team investigativo delle Nazioni Unite ha stabilito che l'ISIS ha commesso un genocidio contro la minoranza religiosa degli Yazidi

Il team investigativo delle Nazioni Unite per promuovere la responsabilità per i crimini commessi da Da'esh (UNITAD) ha provato che lo Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (ISIS) ha commesso un genocidio contro la minoranza religiosa degli Yazidi nel 2014. Gli Yazidi sono una minoranza etno-religiosa che conta 550.000 membri e si trova nella regione del Sinjar, nel nord-ovest dell'Iraq, il cui credo combina elementi di diverse antiche religioni mediorientali. L'ISIS ha commesso molteplici atrocità contro la minoranza, considerando gli Yazidi degli eretici da convertire o da eliminare. Infatti, l'UNITAD ha scoperto che l'intento dell'ISIS era di "distruggere gli Yazidi fisicamente e biologicamente". Inoltre, le indagini hanno rivelato che l'ISIS ha sviluppato armi chimiche e biologiche, soprattutto nei laboratori dell'Università di Mosul, nella seconda città dell'Iraq che il gruppo ha occupato nel 2017 e che è diventata l'epicentro del loro programma di armi chimiche. Pertanto, l’ISIS ha iniziato ad usare come arma il cloro degli impianti di trattamento delle acque e a testare agenti biologici sui prigionieri. 

Le indagini hanno mostrato come tutte le comunità siano state colpite dalla brutalità dell'ISIS. Migliaia sono stati giustiziati in massa o fucilati durante la fuga, altre migliaia sono stati ridotti in schiavitù, con donne e bambini rapiti dalle loro famiglie e sottoposti a stupri e violenze sessuali. Prova della brutalità è stato anche l'incidente all'accademia aerea di Tikrit dove i cadetti, principalmente musulmani sciiti, sono stati massacrati e il video di propaganda dell'ISIS del loro assassinio mostra l'incitamento diretto e pubblico a commettere un genocidio. 

Poiché non è sufficiente documentare semplicemente i crimini e le atrocità dell'ISIS, l'UNITAD sta sostenendo gli sviluppi legislativi dell'Iraq nell’adottare basi legali per perseguire i membri dell'ISIS per atti di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra. 

Per saperne di più, si prega di leggere: 

https://news.un.org/en/story/2021/05/1091662

https://www.aljazeera.com/news/2021/5/11/isil-committed-genocide-against-yazidis-un-investigation

https://www.un.org/press/en/2021/sc14514.doc.htm

https://www.unitad.un.org/

 

Autore: Eleonora Gonnelli; Editore: Carla Leonetti

Letto 55 volte