Scuole ancora sotto minaccia nella Siria nord-occidentale

Una veduta di Aleppo, Siria Una veduta di Aleppo, Siria Photo by Aladdin Hammami on Unsplash

05 maggio 2021

Continuano gli attacchi alle scuole nonostante un cessate il fuoco concordato nel marzo 2020, riferisce Save the Children.

Save the Children e il suo partner Hurras Network hanno sistematicamente raccolto prove relative agli attacchi alle strutture educative e ai loro effetti su bambini e insegnanti. Anche se nel corso degli anni il numero di attacchi è diminuito, nove hanno avuto luogo dopo l'annuncio del cessate il fuoco, concordato più di un anno fa. Oltre alla distruzione delle scuole, sono morti quattro bambini e quattro membri del personale. Tuttavia, il bilancio dei morti è probabilmente più alto.

Infatti, l'organizzazione non governativa e il suo partner hanno contato 37 attacchi dall'inizio del 2020. Mentre il Syria Monitoring and Reporting Mechanism, avviato dall'ONU per monitorare le gravi violazioni dei diritti dei minori e rafforzare la responsabilità degli autori, ha rilevato un totale di 61 attacchi in tutta la Siria. Attacchi aerei e bombardamenti di artiglieria sono le principali cause di danni e distruzione degli edifici scolastici. Questi interventi militari non solo mettono in pericolo la vita dei bambini e degli insegnanti, ma rappresentano anche uno dei motivi principali che costringono i bambini a lasciare la scuola.

I dati raccolti hanno rivelato che gli attacchi incessanti e la violenza continua contro le strutture educative hanno interrotto l’apprendimento, lasciando i bambini senza un posto dove imparare. Secondo le Nazioni Unite, gli attacchi contro gli edifici scolastici rappresentano una delle sei gravi violazioni contro i diritti dei bambini. Sonia Khush, direttrice della risposta di Save the Children in Siria, ha sottolineato che "le scuole dovrebbero essere rifugi sicuri per i bambini e non zone di guerra". L'organizzazione internazionale ha invitato tutte le parti in conflitto a rispettare il diritto umanitario internazionale, a evitare di prendere di mira le scuole e le infrastrutture civili e ad approvare la Dichiarazione sulle scuole sicure per garantire la sicurezza e la protezione dei bambini.

 

Per saperne di più:

https://reliefweb.int/report/syrian-arab-republic/north-west-syria-schools-and-children-still-under-attack-despite-year

 

Autore: Sofia Antonelli; Editor: Shrabya Ghimire

Letto 33 volte