Sfide per la reintegrazione del Donbass

Illustrazione dipinta sul muro esterno di una scuola nell'Ucraina orientale Illustrazione dipinta sul muro esterno di una scuola nell'Ucraina orientale 2020 European Union (photographer: Lisa Hastert)

09 dicembre 2020

La pace duratura nell'Ucraina orientale dipenderà da una visione di ripresa a lungo termine, a cominciare dalle elezioni del 2020

L’attenzione internazionale sul conflitto russo-ucraino scoppiato nel febbraio 2014 sullo stato delle regioni ucraine di Crimea e Donbas è andata sempre più scemando, ma bombardamenti, ostilità e incertezza politica influenzano tuttora la regione, ostacolandone la sua ripresa. Domenica 25 ottobre 2020, milioni di elettori si sono recati alle urne per le elezioni regionali e amministrative. Però, nei territori di Donetsk e Luhansk del Donbass non si è votato, vista la complicata situazione di sovranità.

Se e quando le urne riapriranno, le elezioni nel Donbass potrebbero fornire una via di ripresa. Le regioni lungo la linea di contatto sono governate, dal 2015, da amministrazioni militari-civili temporanee (MCA), esponendole al rischio di operazioni di manipolazione da parte di attori esterni. Le elezioni che si sarebbero dovute tenere nel mese di ottobre avrebbero potuto sostituire le MCA con sindaci e amministrazioni eletti in modo regolare.

Tuttavia, molti ritengono che il pieno reinserimento di queste regioni sia attualmente improbabile. La guerra durata sei anni ha troncato i legami economici della regione con il resto del paese e lacerato il loro tessuto sociale. Sebbene il commercio sia continuato durante i primi anni del conflitto, nel 2017 Kiev ha imposto un divieto su tutte le spedizioni transfrontaliere non-umanitarie, a cui è succeduta anche il sequestro di beni industriali di proprietà ucraina da parte delle autorità opposte, hanno provocato l'interruzione delle attività di commercio. 

Finora, il conflitto ha causato oltre 10.000 vittime civili e 1,5 milioni di sfollati interni. L’epidemia Covid-19 ha ulteriormente peggiorato la situazione umanitaria ed economica nelle regioni orientali, che avevano appena iniziato a ricostruire i loro legami sociali con il resto dell'Ucraina. Le elezioni del 2020 rappresentano un'opportunità per la ripresa di questi territori, per la loro reintegrazione con il resto dell’Ucraina e per la pace nel paese.

 

Per saperne di più:

https://www.peaceinsight.org/en/articles/fractures-and-fledgling-trust-what-next-peace-and-reintegration-donbas/?location=ukraine&theme=transitional-justice-reconciliation

https://neweasterneurope.eu/2020/09/09/should-ukraine-conduct-local-elections-along-the-donbas-contact-line/

 

Autore: Giulia Ferrara

Letto 271 volte