Autobomba ad Afrin responsabile di 10 morti

 Il mercato di Afrin qualche istante dopo l’esplosione Il mercato di Afrin qualche istante dopo l’esplosione Syrian Network for Human Rights

16 settembre 2020
Un camion munito di esplosivi è deflagrato ad Afrin, Siria, uccidendo 10 civili

Il 14 settembre 2020 almeno dieci persone sono rimaste uccise da un'esplosione causata da un camion carico di esplosivi nell'enclave curda di Afrin, una città della regione di Aleppo in Siria. Il veicolo è esploso ancora una volta nei pressi dell'affollato mercato africano a pochi passi dal quartier generale di un gruppo armato sostenuto dai turchi. All'inizio dell'anno, in aprile, una petroliera equipaggiata con una bomba a mano era esplosa nello stesso luogo, uccidendo 40 persone secondo la Turchia.

Fonti locali hanno rivelato all'agenzia statale di Anadolu (AA) che il tentativo del 14 settembre è stato perpetrato da terroristi affiliati all’Unità di Protezione Popolare (YPG) e al Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK). Al di là dei sospetti, tuttavia, nessun gruppo militare ha rivendicato la responsabilità dell'attentato. L'Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito che tra le vittime c'è un bambino, aggiungendo che l'esplosione ha ferito più di 40 passanti, alcuni dei quali in modo grave. La Siria, dilaniata da un conflitto ormai decennale, non è nuova alla violenza esplosiva.

L'Action on Armed Violence (AOAV), uno dei principali centri di ricerca sui danni causati dalle armi esplosive, ha rilevato che a marzo 2020 la Siria è stata il primo paese per uso di armi esplosive. Il loro utilizzo indiscriminato ha fatto 217 vittime tra i civili. L'AOAV afferma che numero di vittime da armi esplosive si è assottigliato rispetto allo stesso periodo del 2019, quando le vittime furono 608.

Tuttavia, gli studi dell'AOAV indicano che l'incidenza delle armi esplosive sul numero di vittime civili rimane altissima, considerando che ad aprile 2020 il 77% delle vittime civili in Siria si è trovata coinvolta in esplosioni. AOAV indica le regioni di Aleppo e Idlib come le più soggette ad eventi di violenza esplosiva. Secondo il centro di ricerca, il 77% delle vittime civili a da uso di armi esplosive in Siria si trovava ad Idlib (91 vittime) o ad Aleppo (77 vittime) durante l'esplosione.

 

Per saperne di più:

https://aoav.org.uk/acting-on-weapons/key-work/

https://www.rudaw.net/english/middleeast/syria/14092020

https://aoav.org.uk/2020/at-least-10-people-killed-in-car-bomb-in-afrin-syria/

https://www.bbc.com/news/world-middle-east-52454134

 

Autore: Gianmarco Italia; Editor: Barbara Caltabiano

Letto 205 volte