Stampa questa pagina

COVID-19 nel nord-est della Siria: gravi ripercussioni sui servizi sanitari

Un operatore sanitario si occupa di un bambino nel campo di Al-Hol, nord-est della Siria Un operatore sanitario si occupa di un bambino nel campo di Al-Hol, nord-est della Siria World Health Organization/WHO EMRO

27 agosto 2020

Mentre i casi di COVID-19 crescono nel nord-est della Siria, nel campo di Al-Hol non c’è “quasi nessuna assistenza sanitaria disponibile”

Secondo Will Turner, emergency manager di Medici Senza Frontiere (MSF) in Siria, tra gli ospiti del campo è stato confermato il primo caso di COVID-19. Circa 1.900 persone all'interno del campo soffrono di malattie non trasmissibili, come il diabete e l'asma, e sono quindi considerate particolarmente vulnerabili al contagio. Come affermato dai responsabili di MSF, il campo non è pronto ad affrontare la pandemia.

Sin dall'inizio di agosto, ci sono solo 15 cliniche sanitarie nel campo, rispetto alle 24 di maggio. Tuttavia, solo cinque di queste cliniche sono attualmente operative. Turner descrive le conseguenze devastanti di queste chiusure, raccontando come all’interno del campo siano state segnalate "(...) madri che andavano di clinica in clinica alla disperata ricerca di un posto aperto". Nella quasi totale assenza di assistenza sanitaria, "in una sola settimana di agosto sono morti sette bambini, tutti sotto i cinque anni".

Il 24 agosto, ci sono stati 394 casi confermati nella regione. MSF ha dichiarato i tassi di trasmissione sono particolarmente elevati: circa la metà dei test effettuati sono risultati positivi.

Nel campo, il personale sanitario è stato drasticamente ridotto a causa dei contagi. Quando un caso di COVID-19 è confermato tra i membri dello staff, chiunque sia stato a contatto con il collega risultato positivo è tenuto a un periodo di quarantena obbligatorio: molti degli operatori sanitari sono quindi costretti a sospendere il loro lavoro. Le autorità locali hanno inoltre introdotto nuove norme che vietano al personale di lavorare in più di una struttura sanitaria, per evitare il propagarsi del contagio attraverso la regione.

Inoltre, da luglio MSF ha registrato un aumento del 71% dei ricoveri nel centro di alimentazione terapeutica ospedaliera situato all'interno del campo. Ciò è dovuto alla diffusione di un’epidemia di diarrea che porta alla malnutrizione, soprattutto nei giovani e nei bambini. Sonia Khush, direttrice della missione di Save the Children in Siria, ha affermato che "Purtroppo ci saranno sempre più casi (...) In ogni modo, la crisi coinvolgerà prima di tutto i bambini (...), ben 43.000 bambini saranno colpiti da un'epidemia nel campo". Siamo preoccupati per la loro stigmatizzazione e per il loro sistema immunitario indebolito (...)".

 

Per saperne di più:

https://www.msf.org/covid-19-has-devastating-knock-effect-northeast-syria

https://reliefweb.int/report/syrian-arab-republic/first-case-coronavirus-appears-among-residents-syrian-al-hol-camp

https://www.aljazeera.com/news/2020/08/coronavirus-cases-reported-syria-al-hol-camp-200806162159182.html

 

Autore: Catherine Gregoire; Editor: Sara Gorelli; Traduzione: Ester Zangrandi

Letto 223 volte