Afghanistan, scuole sempre più colpite da attacchi con armi esplosive

Un gruppo di bambini gioca fuori. Kabul, Afghanistan Un gruppo di bambini gioca fuori. Kabul, Afghanistan © Photo by Sohaib Ghyasi on Unsplash.

Questo articolo è una presentazione di un rapporto della GCPEA sugli effetti duraturi degli attacchi esplosivi alle strutture educative afghane

La scolarizzazione nei paesi in via di sviluppo è estremamente esposta a elementi, spesso correlati, come povertà estrema, conflitti armati, rischi legati al clima, accesso limitato alle risorse di apprendimento e, più recentemente, gli effetti della crisi sanitaria. Nel corso degli ultimi due decenni, l'Afghanistan ha compiuto notevoli progressi nella salvaguardia e nel rafforzamento del proprio sistema educativo. Tuttavia, da quando le forze talebane hanno ripreso il controllo del paese, i grandi passi avanti compiuti nella protezione dell'istruzione, in particolare per le donne e le ragazze, sono in grave pericolo.

Un recente rapporto pubblicato dalla Global Coalition to Protect Education from Attack (GCPEA) ha evidenziato gli effetti duraturi degli attacchi esplosivi sulle scuole e le università dell’Afghanistan. Durante il periodo tra gennaio 2018 e giugno 2021, la GCPEA ha identificato oltre 200 attacchi contro scuole, università, i loro studenti e il personale scolastico. Inoltre, l’analisi ha rilevato che l'uso di armi esplosive è in aumento, con più attacchi esplosivi contro edifici scolastici segnalati nei primi sei mesi di quest'anno rispetto alla prima metà degli ultimi tre anni. Tali attacchi includono attacchi aerei, artiglieria, mortai, auto e bombe lungo la strada, altri ordigni esplosivi improvvisati (IED), residui bellici esplosivi (ERW), nonché incidenti che coinvolgono ordigni inesplosi (UXO). L'uso di armi esplosive è estremamente pericoloso nelle zone popolate in quanto non è possibile mirarle efficacemente e possono causare grandi esplosioni che diffondono frammenti dannosi e schegge in una vasta area ben oltre il bersaglio, colpendo indiscriminatamente i civili.

Tra i tipi di attacchi con armi esplosive registrati dal GCPEA, gli ordigni esplosivi improvvisati sono stati i più comunemente usati negli attacchi alle scuole e hanno provocato il maggior numero di vittime civili. L'organizzazione non governativa Action of Armed Violence (AOAV) ha rilevato che, di tutte le vittime civili segnalate nel paese durante il 2020, il 79% era dovuto a bombardamenti causati dall’uso di ordigni esplosivi improvvisati. Nel periodo tra gennaio 2018 e giugno 2020, le forze armate afgane, le forze militari internazionali e i gruppi armati non statali hanno utilizzato armi esplosive in almeno 180 attacchi segnalati alle scuole. Durante lo stesso periodo, gli attacchi alle scuole con armi esplosive hanno ucciso o ferito più di 640 studenti ed educatori e danneggiato o distrutto oltre 70 scuole. A parte gli impatti diretti di queste esplosioni, che includono vittime civili e danni alle strutture scolastiche, questi attacchi possono avere effetti indiretti e riverberanti sull'istruzione. Chiusure prolungate delle scuole, traumi e la sospetta presenza di mine o armi esplosive vicino a una scuola possono scoraggiare studenti e personale scolastico a frequentare le scuole e, di conseguenza, impedire gravemente l'apprendimento. In un attacco che ha dominato i titoli dei giornali, il 2 novembre 2020 un commando di uomini armati ha assediato l'Università di Kabul, all’interno della quale ha detonato diversi ordigni esplosivi e preso decine di ostaggi. L'attacco, rivendicato dall'Isis, ha provocato 22 morti e oltre 20 feriti tra gli studenti. Ha causato gravi danni alle infrastrutture e ai materiali dell'università, e ostacolato l'apprendimento di oltre 21.000 studenti. A causa del disagio psicologico causato dall'attacco, diversi studenti hanno riferito di non aver potuto riprendere le lezioni.

La GCPEA ha inoltre rivelato, negli ultimi 3,5 anni, diversi casi di scuole utilizzate per scopi militari, e successivamente prese di mira con armi esplosive. Sebbene questi incidenti non siano considerati come attacchi alle scuole di per sé, l'uso militare di queste strutture può compromettere la loro protezione come oggetti civili ai sensi del diritto umanitario, esponendole ulteriormente al rischio di attacco e distruzione.

I sistemi di istruzione fortemente perturbati sono una conseguenza dei conflitti armati. Mentre il mondo assiste alla presa dell'Afghanistan da un nuovo governo mal equipaggiato per gestire un paese che affronta sfide economiche, umanitarie e di sviluppo, la GCPEA esorta un'azione collettiva urgente per sostenere i servizi di base, assicurare un accesso sicuro all'istruzione e prevenire un disastro umanitario e crollo economico. A tal fine, la GCPEA esorta l'Afghanistan ad adempiere ai suoi impegni come firmatario della Dichiarazione sulle scuole sicure, e invita tutti gli Stati ad approvare e attuare la Dichiarazione per proteggere meglio lo status civile di scuole e università e cessare tutti gli attacchi contro studenti, insegnanti e strutture educative. Lo sviluppo di un piano d'azione collettivo comporterà un dialogo con il governo talebano e un ripensamento del regime delle sanzioni. In uno dei paesi al mondo più dipendenti dal supporto umanitario fornito dall’estero, il ritiro degli aiuti umanitari dai governi occidentali rappresenterà un rischio concreto per milioni di persone vulnerabili.

 

Fonti:

 https://protectingeducation.org/wp-content/uploads/EWIPA-Afghanistan-2021.pdf 

 

Autore: Giulia Ferrara

Letto 616 volte