Stampa questa pagina

Le conseguenze del conflitti in Abkhazia

Cartina della Georgia Cartina della Georgia © Photo by PeterHermesFurian on iStock

In Focus by  Sergio Gomez; Editor: Xavier Atkins; Traduzione: Ester Zangrandi

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) è stato in grado di identificare i resti di 14 persone uccise nel corso del conflitto in Abkhazia, dando finalmente una risposta alle famiglie che aspettavano da quasi due decenni di conoscere il luogo di riposo dei loro cari. Tra le vittime, ha riferito il CICR, c’erano tredici cittadini georgiani e una persona originaria dell’Abkhazia.

Il CICR ha iniziato gli scavi a Sukhumi, Ochamchire e Gagra, luoghi del conflitto situati nello stato - parzialmente riconosciuto - dell'Abkhazia. Gli scavi sono iniziati nel 2017 e sono stati completati alla fine del 2019. Dopo più di due anni di analisi di laboratorio e test del DNA, le famiglie di questi 14 individui sono state identificate e contattate. Alla luce del protocollo attuale, i resti dovrebbero essere restituiti a breve alle rispettive famiglie.

Gli sforzi condotti dal CICR offrono risposte e conforto alle persone coinvolte nel conflitto armato del 1992-93 e sono essenziali al fine di costruire una pace duratura nel Caucaso meridionale. La tremenda incertezza riguardo il luogo di sepoltura dei propri cari crea un costante fermento e un’infinita sofferenza nelle comunità d’appartenenza. Fortunatamente, il CICR si è posto come obiettivo primario di aumentare la velocità e l’efficienza di questi scavi, considerato che il 90% delle persone scomparse durante il conflitto non è ancora stato identificato.

Il CICR ritiene sia fondamentale lavorare a fianco di georgiani e abkhazi per identificare il massimo numero di vittime. Dall'inizio delle ricerche, 11 anni fa, 583 vittime sono state recuperate e 206 di esse sono state identificate. I resti di 192 tra queste sono stati consegnati alle rispettive famiglie. Sfortunatamente, secondo le stime del CICR, un totale di 2.355 vittime, sia civili che militari, risultano ancora scomparse. Quello sostenuto dal CICR è uno sforzo coraggioso, ma resta ancora molto lavoro da fare prima che gli obiettivi posti possano dirsi raggiunti.

 

Per saperne di più: 

https://www.icrc.org/en/document/remains-14-people-identified-connection-1992-1993-armed-conflict-abkhazia 

https://agenda.ge/en/news/2021/1100 

 

 

Letto 142 volte