Disabilità e Conflitti Armati: episodio 3

Le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia ad una "classe" sul processo di pace tra loro e il governo  Le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia ad una "classe" sul processo di pace tra loro e il governo © AFP/Luca Acosta

In Focus by Barbara Caltabiano

Secondo la sua Costituzione politica del 1991, la Colombia garantisce protezione ai suoi cittadini, inclusi i disabili. In particolare, l'articolo 13 stabilisce che lo Stato è tenuto a "proteggere gli individui che, a causa delle loro condizioni economiche, fisiche o mentali, si trovano in circostanze di evidente vulnerabilità" e a "sanzionare gli abusi o i maltrattamenti perpetrati nei loro confronti".

Come vengono attuate queste disposizioni? Qual è la situazione del prolungato conflitto in Colombia e quali sono i suoi effetti sulle persone con disabilità? Il terzo episodio di Disabilità e Conflitti Armati cercherà di rispondere a queste domande, attraverso l’analisi di un caso studio, pubblicato dalla Geneva Academy, che indaga l'impatto del conflitto colombiano sulle persone con disabilità.

Innanzitutto, gli oltre 50 anni di conflitto armato nel Paese latino-americano hanno causato milioni di vittime, soprattutto nelle zone rurali. Circa 220.000 persone sono state uccise e più di sette milioni di colombiani sono stati sfollati. Per non parlare delle migliaia di persone che sono state ferite, mutilate, torturate, rapite o private della loro terra.

La disabilità in Colombia è ancora considerata per lo più come un modello medico ed è quindi poco inclusiva. L'identificazione della disabilità è dunque sottostimata, a causa della sua stigmatizzazione e della particolare esclusione del gruppo, che contribuisce ulteriormente alla mancanza di dati precisi sul numero di persone con disabilità in Colombia. Ciononostante, gli stakeholder tendono a concordare sul fatto che la cifra dovrebbe superare i 7 milioni di persone. Inoltre, la Colombia ha ratificato la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità (CRPD) nel 2011.

Nonostante la Colombia abbia aderito alla Convenzione Interamericana sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione, in questo Paese alle persone con disabilità può essere negato il pari riconoscimento davanti alla legge. Infatti, un tutore può essere nominato da un giudice per prendere una decisione legale per conto di una persona con disabilità, violando chiaramente il suo diritto di godere della capacità giuridica su base paritaria. Inoltre, la limitata documentazione esterna sulla condotta delle ostilità e sulle condizioni attuali in cui vivono le persone con disabilità impedisce ulteriormente un'analisi aggregata. Il team di ricerca dell'Accademia di Ginevra è riuscito ad effettuare interviste strutturate, scoprendo che, da un lato, violazioni come la violenza sessuale, la privazione della libertà, il saccheggio e l'uso di mine antiuomo sono state costantemente perpetrate durante il conflitto; dall'altro, hanno anche causato disabilità fisiche e/o psicosociali, aggravando al tempo stesso disabilità preesistenti.

Tra le violazioni più oltraggiose, la sterilizzazione forzata di donne e ragazze con disabilità è una pratica corrente, soprattutto in scenari di guerra, ed è possibile secondo la legge colombiana, in chiara violazione della CRPD. Questa violazione è stata collegata alla facilitazione della violenza sessuale all'interno delle famiglie. Inoltre, le persone con disabilità sono state in gran parte escluse dai colloqui di pace e sono ancora ignorate nell'attuazione dell'accordo di pace. Non c'è ancora alcuna inclusività per l'integrazione post-conflitto e i piani di sviluppo per le persone con disabilità. Più specificamente, le persone con disabilità psicosociali e intellettuali rimangono membri invisibili della società.

In conclusione, c'è una lacuna nella conoscenza dell'impatto del conflitto sulle persone con disabilità e sui loro bisogni. In particolare, sono necessari dati disaggregati per aiutare a valutare l'attuazione della CRPD in Colombia e per sottolineare ulteriormente quali barriere incontrano le persone con disabilità nell'accesso ai loro diritti. La narrazione si concentra ancora eccessivamente sulla "cura" o sulla "riabilitazione" delle persone con disabilità, piuttosto che sulla loro accoglienza e inclusione. La mancata attuazione della CRPD in Colombia è dovuta anche al consistente movimento di sfollati interni con disabilità, alla lontananza dei luoghi in cui queste persone vivono, all'insicurezza, alla corruzione e alla mancanza di infrastrutture e di competenze in materia di disabilità. 

 

 

Per saperne di più:

https://www.geneva-academy.ch/news/detail/37-disability-and-armed-conflict-field-trip-to-colombia

https://www.geneva-academy.ch/joomlatools-files/docman-files/Academy%20Briefing%2014-interactif.pdf

https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/09687599.2018.1423914

Letto 287 volte