SPECIALE COVID-19: Niger, Kenya

Rifugati sud Sudanesi mentre praticano il distanziamento sociale nel campo di Kakuma, Kenya Rifugati sud Sudanesi mentre praticano il distanziamento sociale nel campo di Kakuma, Kenya © UNHCR/Samuel Otieno

In Focus by Silvia Luminati

1. Niger

Da marzo 2020, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha registrato migliaia di persone in fuga dalle loro case a causa dell'offensiva militare lanciata dal Niger contro i gruppi armati lungo i confini del Paese. Ad aprile, gli scontri nella regione dei Tillaberi hanno costretto oltre 4.000 persone a fuggire in Mali. Aissatou Ndiaye, vicedirettore dell'Ufficio dell'UNHCR per l'Africa occidentale e centrale, esprime i suoi timori per le conseguenze che questi movimenti su larga scala possono avere sull'emergenza COVID-19. Inoltre, il coordinatore dell'Ufficio della regione africana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità riferisce di un nuovo focolaio di poliomielite sviluppatosi alla fine di aprile e si dice preoccupato perché  le campagne di vaccinazione di massa sono state sospese a causa del coronavirus. Intanto, l'agenzia delle Nazioni Unite per l'infanzia, al fine di contenere la diffusione del virus nel Paese  ha formato oltre 500 operatori sanitari e ha fornito dispositivi per la sanificazione delle mani alle strutture sanitarie nelle aree colpite dagli scontri.

Per saperne di più:

https://www.unhcr.org/news/press/2020/4/5ea177394/unhcr-calls-warring-parties-protect-civilians-sahel-lake-chad-regions.html

https://news.un.org/en/story/2020/04/1062482

https://www.thenewhumanitarian.org/news/2020/05/07/coronavirus-humanitarian-aid-response

https://reliefweb.int/sites/reliefweb.int/files/resources/UNICEF%20Niger%20COVID-19%20Situation%20Report%20No.%204%20-%2027%20April%20-03%20May%202020.pdf

https://www.msf.org/working-communities-niger-during-covid-19-pandemic

 

2. Kenya

Attualmente, il Kenya ospita oltre 400.000 rifugiati principalmente fuggiti dai conflitti nella vicina Somalia e nel Sud Sudan che vivono nei campi profughi di Dadaab e Kakuma situati nel nord-ovest del Paese. Finora, nei campi non è stato dichiarato alcun caso COVID-19, ma le scarsità dei servizi igienici e la mancanza di accesso all'assistenza sanitaria potrebbero accelerare la diffusione del virus tra i residenti dei campi. L'UNHCR ha più volte lanciato un allarme sulle conseguenze catastrofiche che il COVID-19 potrebbe avere nei campi profughi sovraffollati, specialmente in quello di Dabaad  che "ha soltanto 2.000 posti letto per l'isolamento dei pazienti e che ha una sola struttura sanitaria COVID-19 per oltre 270 000 persone”. Il personale dell'UNHCR ha iniziato a svolgere diverse attività per prevenire la diffusione del virus e a creare nuovi punti di raccolta dell'acqua, mentre il Programma alimentare mondiale ha adattato la distribuzione degli alimenti alle misure di distanziamento sociale per ridurre i rischi di esposizione al virus.

Per saperne di più:

https://www.aljazeera.com/news/2020/05/kenya-camps-500-000-people-risk-contracting-covid-19-200505083322677.html 

https://www.aljazeera.com/news/2020/04/kenya-bans-entry-refugee-camps-hosting-400000-people-200429191854082.html 

https://www.thenewhumanitarian.org/news/2020/04/14/kenya-kakuma-refugee-camp-coronavirus 

https://insight.wfp.org/business-unusual-in-kenyas-refugee-camp-b2b36c3f1ea1 

 

Letto 356 volte