Circa 415.000 bambini rifugiati siriani non frequentano la scuola In Turchia

Rifugiati curdi siriani guardano fuori da un camion mentre entrano in Turchia dalla città d Kobane, Syria. Rifugiati curdi siriani guardano fuori da un camion mentre entrano in Turchia dalla città d Kobane, Syria. © 2014 Michael Christopher Brown/Magnum

Secondo Human Rights Watch meno di un terzo dei bambini siriani entrati in Turchia non vanno a scuola a causa delle barriere che colpiscono la popolazione di 2 milioni di rifugiati

Il rapporto di Human Rights Watch "Quando immagino il mio futuro, non vedo nulla" uscito nel novembre 2015, mostra le barriere che impediscono ai bambini siriani di andare a scuola. Attualmente meno di un terzo dei bambini siriani in età scolare entrati Turchia non vanno a scuola, per un totale di circa 415.000 bambini. Mentre quasi il 90% dei bambini all'interno di 25 campi profughi gestiti dal governo turco sta frequentando la scuola, un sorprendente 85% dei bambini rifugiati siriani vivono fuori dai campi. Della maggior parte dei bambini che vivono fuori dai campi, solo il 24% sono stati iscritti a scuola durante l'anno scolastico 2014-2015.

Da quando scoppiò la guerra di Siria nel 2011, oltre 2 milioni di siriani sono entrati in Turchia. I bambini che stanno frequentando la scuola in Turchia hanno perso in media due anni di scuola a causa del viaggio, delle difficoltà a iscriversi nelle scuole turche, o perché era troppo pericoloso andare a scuola in Siria. Delle 50 famiglie che HRW intervistato, molti bambini avevano perso fino a quattro anni di scuola a causa del conflitto in corso.

Il governo turco ha fatto dei passi avanti per l’educazione dei rifugiati, ma non è ancora abbastanza. Nel 2014 il governo ha reso disponibile l’accesso alle scuole pubbliche per i bambini con un documento d’identità turco. Secondo il diritto internazionale, la Turchia è obbligata a fornire a tutti i bambini in Turchia un’istruzione primaria gratuita e obbligatoria e accesso all'istruzione secondaria. Anche se i livelli di iscrizione a scuola nel 2014 sono migliorati, HRW spera che questo "sia considerato solo un inizio."

I principali ostacoli all’educazione per i bambini siriani sono una mancata osservanza delle leggi turche da parte delle scuole, barriere linguistiche e disagio economico che portano a un dilagante fenomeno di lavoro minorile tra i bambini siriani. Molte delle 50 famiglie intervistate ha spiegato che alcune scuole pubbliche stanno ancora rifiutando bambini siriani o chiedono documentazione che non è più necessaria dal 2014. I bambini siriani arabofoni devono anche affrontare delle barriere linguistiche nelle scuole di lingua turca. La Turchia non sta concedendo legali permessi di lavoro per i rifugiati, creando una crisi economica disperata. Molti siriani ottengono lavori illegalmente nelle fabbriche, non ricevendo alcun beneficio e salari minimi. Di conseguenza, molte famiglie (17 su 50 intervistate) mandano i figli a lavorare nelle fabbriche per contribuire a sostenere le spese di sostentamento. Bambini di finanche otto anni sono stati visti nelle fabbriche a lavorare.

Per proteggere i bambini siriani dai rischi di matrimoni precoci, reclutamento militare in conflitti armati e per stabilizzare la crisi economica, il rapporto di HEW sollecita maggiore impegno per l'educazione dei rifugiati siriani. Un maggiore sostegno finanziario internazionale è necessario. Dal 2011, la Turchia ha speso circa 6 miliardi di dollari per alloggiare circa 2 milioni i profughi siriani. Il rapporto chiede più programmi di lingua turca accelerata e investire su insegnanti con esperienza di lavoro con bambini non di lingua turca. Infine, la Turchia deve rilasciare permessi di lavoro legali e garantire che tutte le scuole pubbliche siano conformi alla legge, permettendo ai bambini siriani di frequentare la scuola pubblica.

 

Per leggere il rapporto, visitare:

https://www.hrw.org/report/2015/11/08/when-i-Picture-My-future-i-See-Nothing/barriers-Education-Syrian-Refugee-Children

Letto 2142 volte