Disabilità e Conflitti Armati: episodio 2

Aleppo, Siria: una bambina di otto anni paralizzata da una bomba esplosiva ha perso l'uso delle gambe Aleppo, Siria: una bambina di otto anni paralizzata da una bomba esplosiva ha perso l'uso delle gambe © UNICEF/Khudr Al-Issa

In Focus by Barbara Caltabiano

Il deterioramento dei servizi, l'aumento dei bisogni e l'aggravarsi della povertà sono alcune delle principali minacce che i bambini con disabilità affrontano quando vivono in zone di conflitto, rendendo loro difficile sfuggire al circolo vizioso della guerra. Più nello specifico, il disinvestimento del governo nella sanità, nell'istruzione e in altri servizi sociali polarizza le società e le spinge verso il conflitto. Con la guerra, l'assistenza sanitaria e gli altri servizi hanno maggiori probabilità di deteriorarsi. I conflitti armati impediscono ai bambini, e in particolare a quelli con disabilità, di godere pienamente dei loro diritti, come quello di accedere a questi servizi.

Il secondo episodio di "Disabilità e conflitto armato" descrive come i bambini con disabilità siano coinvolti nel circolo vizioso della violenza, della polarizzazione sociale, del deterioramento dei servizi e dell'aggravamento della povertà. Inoltre, prende in considerazione le sei gravi violazioni che i bambini, specialmente quelli con disabilità, affrontano quando vivono in zone di conflitto e il meccanismo attraverso il quale le Nazioni Unite hanno cercato di stimare quanto questi vengano impattati dai conflitti.

In primo luogo, i bambini con disabilità si trovano di fronte a barriere che ostacolano l'accesso all'istruzione in situazioni di emergenza. Secondo uno studio del 2018 sui rifugiati siriani in Giordania e in Libano, tra i bambini a partire dai 13 anni di età i rifugiati con disabilità hanno maggiori probabilità di essere analfabeti e di non essere mai stati iscritti a scuola. In un rapporto del 2018 di Syria Relief, quattro bambini su cinque che vivono con disabilità in Siria hanno dichiarato di non avere accesso all'istruzione.

L'aumento dell'isolamento e la discriminazione sono due delle principali conseguenze delle situazioni di conflitto armato per i bambini disabili. I recenti conflitti hanno dimostrato che le famiglie o gli assistenti sociali, sopraffatti dai costi della guerra, tendono ad abbandonare bambini e adulti disabili. Così, affrontare la disabilità diventa estremamente difficile quando le reti di sostegno vengono interrotte, poiché il conflitto mina la solidarietà e l'empatia.

Inoltre, l'accesso alle cure sanitarie è particolarmente compromesso negli scenari di conflitto. In effetti, i conflitti aumentano il rischio per i bambini con disabilità di acquisire nuove condizioni secondarie a causa di malattie croniche non curate. Inoltre, le strutture sanitarie nelle zone di conflitto lottano per mitigare l'impatto delle complicazioni nel parto, con conseguenti complicazioni parentali dovute allo stress fisico, alla fame e alla malnutrizione materna, che aumentano ulteriormente il rischio di danni permanenti al feto e di aborto spontaneo. La depressione è un'ulteriore condizione secondaria che potrebbe essere aggravata durante il conflitto, con conseguenti segni frequenti o permanenti di disagio psicologico.

In conclusione, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha individuato sei gravi violazioni che colpiscono i bambini in situazioni di conflitto armato, che includono l'uccisione e la mutilazione, il reclutamento e l'uso di bambini, lo stupro o altre violenze sessuali, il rapimento, gli attacchi a scuole e ospedali e il rifiuto dell'accesso umanitario. Nell'ambito del presente articolo, i bambini disabili sono colpiti da tutte e sei le violazioni. Per monitorare queste violazioni, il Consiglio di Sicurezza ha istituito il Meccanismo di Monitoraggio e Segnalazione (MRM) sulle gravi violazioni contro i bambini in situazioni di conflitto armato, implementato dalle Country Task Force (CTFMR). Solo nel 2017 le CTFMR hanno verificato più di 21.000 violazioni contro i bambini. Sfortunatamente, il MRM non documenta il numero di bambini che acquisiscono disabilità durante un conflitto armato, ma è molto probabile che la maggior parte delle lesioni dei bambini possano portare a disabilità. Infatti, il rapporto del Segretario Generale del 2015 sui bambini e i conflitti armati ha indicato che circa 3.000 delle oltre 9.000 lesioni documentate attraverso il meccanismo si sono verificate nello Stato della Palestina e circa 1.000 di queste hanno realisticamente causato disabilità.

 

Per saperne di più:

https://www.unicef.org/disabilities/files/Children_with_Disabilities_in_Situations_of_Armed_Conflict-Discussion_Paper.pdf

https://www.securitycouncilreport.org/atf/cf/%7B65BFCF9B-6D27-4E9C-8CD3-CF6E4FF96FF9%7D/s_2015_409.pdf

https://reliefweb.int/report/syrian-arab-republic/hidden-victims-syrian-crisis-disabled-injured-and-older-refugees

Letto 19 volte