22 Vittime morti al concerto di Manchester

Robot per smaltimento di una bomba scaricato, fuori dalla Manchester Arena Robot per smaltimento di una bomba scaricato, fuori dalla Manchester Arena Nigel Roddis/EPA

16 Novembre 2017
La polizia britannica ha arrestato un ventiduenne collegato all’attacco terroristico dello scorso maggio avvenuto al concerto di Ariana Grande nella città di Manchester.

Salman Abedi è l’uomo responsabile dell’attacco del 22 maggio 2017, il più mortale degli ultimi 12 anni nel Regno Unito che ha provocato 22 morti e 119 feriti. Il cosiddetto Stato Islamico (ISIS) ha rivendicato la responsabilità dell’attacco, nonostante vi fossero discrepanze nel resoconto dettagliato dell’operazione. Non è chiaro se Abedi avesse ricevuto aiuto nella preparazione dell’attacco. Secondo l’intelligence inglese, l’uomo è nato nel Regno Unito da genitori di origine libica. 

L’attacco ha avuto luogo nella più grande arena al chiuso d’Europa, con all’interno 21,000 persone ad ascoltare la performance della cantante americana. Almeno uno dei morti è un bambino di otto anni. Ian Hopkins, commissario capo della polizia di Manchester, ha dichiarato che l’esplosione è stata causata da un uomo “che portava un ordigno improvvisato, che ha poi fatto esplodere”. L’esplosione è avvenuta subito dopo la fine del concerto, mentre il pubblico si avviava verso le uscite.

Il Primo Ministro inglese Theresa May, parlando dell’attacco, ha affermato che i membri delle forze armate britanniche avrebbero aumentato i livelli di sicurezza nei punti strategici, e che il personale militare sarebbe stato dispiegato nei futuri eventi pubblici.

 

Per saperne di più, leggi:

http://www.aljazeera.com/news/2017/05/uk-police-confirmed-fatalities-manchester-concert-170522230211269.html
http://www.reuters.com/article/us-britain-security-manchester/british-police-name-suicide-bomber-threat-level-raised-to-critical-idUSKBN18I2OP

Letto 3977 volte